Italia, Prandelli: “Eccessiva la reazione della Fiorentina”

© foto www.imagephotoagency.it

Il c. t. della nazionale italiana Cesare Prandelli ha parlato quest’oggi nel corso di un’intervista dell’incontro avuto con alcuni tifosi della Fiorentina e delle scelte effettuate per quanto riguarda le proprie convocazioni.

“Ieri sera mi hanno chiamato dei ragazzi del Settebello, gli stessi che l’anno scorso mi hanno dato una targa, quest’anno ho perso a golf contro Antognoni e mi hanno dato una specie di tapiro, tutto qui. Sono d’accordo con Andrea Della Valle, il calcio non deve sfociare nella violenza, ma la reazione della Fiorentina è stata eccessiva per l’incontro di ieri sera, anche stamani ho ricevuto un’altra targa di riconoscimento. Non è stato un incontro istituzionale e lo rifarei, mi sembra un modo educato di contraccambiare l’affetto di alcune persone”, le parole di Prandelli a ilsitodiferenze.it.

“Riguardo le convocazioni, posso dire che per Gilardino ho fatto una scelta tecnica, ho bisogno di attaccanti con caratteristiche diverse per affrontare la Spagna, ma Gila è uno dei centravanti più forti d’Europa, l’ho sempre detto. Calciopoli? Ci vuole la volontà  di tutti di chiudere un capitolo doloroso. Lo sciopero dei giocatori? Secondo me non succederà “.

“Dobbiamo giocare anche le partite amichevoli concentrati, perchè sono lo specchio della condizione tecnico-tattica della squadra. Cassano? Antonio è consapevole che deve perdere peso, ha già  perso 3,5 kg durante il ritiro del Milan. Stamani avevo provato a contattare Andrea Della Valle, ma ho parlato con Cognigni, non è assolutamente vero che c’è astio tra me ed Andrea Della Valle. Stiamo seguendo tanti giocatori, vedremo chi meriterà  le prossime convocazioni, la proposta di Diego Della Valle di sedersi attorno ad un tavolo per fare chiarezza su Calciopoli penso sia la cosa migliore da fare”, ha quindi concluso Prandelli.