Connettiti con noi

Hanno Detto

Juventus, Pazienza: «Le difficoltà sono figlie dei cambiamenti»

Pubblicato

su

Ascolta la versione audio dell'articolo

In un’intervista esclusiva a juventusnews24 Michele Pazienza ha analizzato il momento di difficoltà della Juventus

Intervistato in esclusiva da juventusnews24, Michele Pazienza ha commentato il momento della Juventus. ecco le sue parole.

LEGGI SU JUVENTUSNEWS24 L’INTERVISTA INTEGRALE

DIFFICOLTÀ – «Sicuramente questo è uno dei periodi più brutti, anche se in passato con Allegri c’è già stato un momento in cui la Juve si è allontanata tantissimo dalla vetta e poi è stata brava a rimettersi sulla strada giusta andando a vincere il campionato. Le cause che hanno portato a queste difficoltà oggettive credo siano da attribuire soprattutto al grandissimo cambiamento che la Juve ha fatto nell’ultimo periodo a livello di scelta dei giocatori. La Juventus quando ha iniziato a costruire ha agito sul mercato in maniera molto precisa, andando a comprare quei giocatori che avevano già l’esperienza giusta per poter affrontare e reggere una pressione sempre presente in un grande club come la Juve. Negli ultimi due anni i bianconeri hanno fatto scelte diverse: hanno deciso di ringiovanire la rosa andando a prendere dei giocatori che hanno ancora bisogno di crescere e imparare a vincere. Non sono campioni già pronti: sono dei calciatori dalle enormi potenzialità ma che hanno bisogno di tempo per mostrarlo».

RITIRO – «Se è stata fatta una scelta simile è perché si vuole ricompattare l’ambiente e dare allo stesso tempo un segnale all’esterno, per far vedere che c’è voglia di fare le cose per bene e che c’è attaccamento alla maglia. In casa bianconera si percepisce la voglia di cambiare il percorso, e sicuramente queste soluzioni danno dei vantaggi: ci si ritrova insieme e c’è più tempo per confrontarsi su problematiche e difficoltà in campo e cercare delle soluzioni diverse da quelle trovate fino ad ora. Non basterà certo solo il ritiro: alla Juve servono ora dei risultati positivi per riacquisire un po’ di fiducia smarrita nelle ultime uscite».