Connettiti con noi

Hanno Detto

Juventus, Repice: «La prima stagione di Pirlo me l’aspettavo peggiore»

Redazione CalcioNews24

Pubblicato

su

Francesco Repice

Francesco Repice ha parlato della stagione della Juventus con Andrea Pirlo in panchina

Nella sua lunga carriera, Francesco Repice ha commentato alcuni dei più grandi successi della del calcio italiano. Il Mondiale 2006 ma anche i tanti scudetti bianconeri e non solo. La storica voce di Radio Rai ha parlato in esclusiva a Juventusnews24 per analizzare il momento del club bianconero, diviso tra la realtà di Pirlo e l’ombra di Allegri, ma anche per svelare alcuni aneddoti.

LEGGI L’INTERVISTA COMPLETA SU JUVENTUS NEWS 24

È stata una stagione particolarmente complicata per la Juve, che ha dovuto fare i conti con tanti infortuni e ovviamente con la pandemia. Quali sono stati i limiti di questa squadra?

«Il fatto di non avere un organico all’altezza degli anni passati, soprattutto la linea mediana. Gli infortuni ci sono stati per tutti, penso alla Roma ieri sera contro lo United con 3 infortuni e l’impossibilità di fare sostituzioni. Alla Juventus sapevano che sarebbe stata un’annata di transizione: ok gli infortuni e la pandemia, ma non credo che l’organico sia stato all’altezza di altre squadre».

Immaginava così la prima stagione di Pirlo alla Juve?

«Me la immaginavo molto peggio. Se Pirlo arriva tra le prime quattro, con la Supercoppa vinta e una finale di Coppa Italia, sarà una stagione straordinaria. Quelli che non sanno di pallone pensano che sia fallimentare».

Come ha detto lei, la società aveva messo in conto una stagione del genere. Pensa che Pirlo verrà confermato o i dirigenti bianconeri opteranno per un’altra strada?

«Bisogna capire che i dirigenti probabilmente non saranno questi. Da quello che sento, ci sono grandi movimenti e questo potrebbe portare al cambio dei vertici societari e dell’allenatore. In quel caso, il mio amico Massimiliano Allegri, potrebbe accomodarsi sulla panchina della Juve».

Advertisement