Connettiti con noi

Hanno Detto

Inter, Lautaro: «Icardi mi ha aiutato. Lukaku? Meglio non farlo arrabbiare»

Pubblicato

su

Lautaro Martinez parla del suo periodo all’Inter tra il suo arrivo e la vittoria dello Scudetto: ecco le sue dichiarzioni

Lautaro Martinez ha rilasciato un’intervista a La Nacion.

ARRIVO ALL’INTER – «Quando è arrivata l’Inter, il direttore sportivo è venuto a trovarmi a Buenos Aires. In quei colloqui, gli ho chiesto se la maglia numero 10 fosse libera. Ha detto ‘bene, bene, vediamo’. Quando sono andato a Milano per firmare il contratto, me lo hanno chiesto di nuovo e io ho insistito che volevo la 10. Mi hanno detto: ‘Guarda, il 10 è stato sulle spalle di Ronaldo, Baggio, Sjneider, questo e quell’altro…’ . Ho detto loro che sì, ero consapevole, ma che mi piaceva la sfida: “La amo”. Ho firmato e fatto la foto con il 10».

PRIMO ANNO ALL’INTER – «Mi è costato, mi ha scioccato. Sono passato dal Racing, dove segnavo gol e la gente cantava il mio nome, ero sempre titolare, in un nuovo paese, un nuovo club, una nuova lingua… sapevo che mi sarei dovuto adattare, ma non che sarebbe stato così difficile. Dopo tre mesi e avevo già detto che volevo andarmene, non voleva saperne di più. Nessuno avrebbe potuto sopportarmi. A volte prendevo la macchina e andavo in giro da solo. Era pazzo, non pensavo a nulla. Poi c’è stato un cambiamento Mauro (Icardi ndr) mi ha dato una mano gigantesca in quel momento, lo ringrazio sempre. Sono molto felice che il primo anno mi sia servito come apprendimento. Già nel secondo anno ho giocato di più, le cose sono cambiate. E in questo, molto di più: sono tornato in Argentina completamente soddisfatto e felice. Ho giocato 38 partite su 38 in Serie A, 6 su 6 in Champions e 4 su 4 in Coppa Italia. E abbiamo vinto il campionato. È il mio primo titolo da professionista, ed è arrivato tre mesi dopo la nascita di Nina. Ha un altro sapore questa vittoria».

ITALIANO NELLO SPOGLIATOIO «Sì, ogni tanto parlo. Mi piace. Quando lo sento, parlo. L’ho fatto prima di una partita contro il Milan, che abbiamo vinto 3-0. Ho fatto un discorso davanti al gruppo, cose che mi sono venute in quel momento. A volte torno a casa e parlo con Agustina in italiano, abituato a farlo tutto il giorno col club. Lei ride. Oppure faccio una videochiamata con mia mamma e metto una parola in italiano. ‘Cosa hai detto?’, mi dice».

LUKAKU – «All’Inter ho conosciuto il mondo: ho compagni inglesi, croati, sloveni, slovacchi, cileni, uruguaiani… E un belga (Lukaku) che parla sei o sette lingue, ha una conoscenza tremenda. Abbiamo storie simili da ragazzi, abbiamo creato un rapporto importante e che si trasferisce alla squadra. Ma non farlo arrabbiare, hai visto il fisico che ha?»

LE DICHIARAZIONI INTEGRALI SU INTERNEWS24