I giochi mentali di Mou: «La Juve ha speso tanto non certo per lo Scudetto»

Mourinho comincia a stuzzicare la Juventus: l’allenatore del Manchester United, in previsione della doppia sfida di Champions League, prova a mettere pressione ai bianconeri

Manca ancora più di un mese alla partita con la Juventus di Champions League (il 23 ottobre prossimo), ma José Mourinho – si sa – è uno che ama fare molta pre-tattica. Così l’allenatore portoghese del Manchester United ieri, subito dopo il successo ottenuto fuori casa contro il Burnley (il primo di questa Premier League dopo il disastroso avvio) ha preso di mira la squadra di Massimiliano Allegri con il chiaro intento di iniziare a metterle pressione. Non una novità di sicuro per Mou, che ama provocare gli avversari più blasonati, di partita in partita, con parole abbastanza simili alle seguenti: «La Juventus è una di quelle squadre che ha investito sul mercato col chiaro obiettivo di vincere la Champions League. Non avevano di certo bisogno di investire per vincere il campionato italiano, considerato che ne hanno già vinti sette di fila. L’obiettivo è quindi chiaramente quello di portarsi a casa la Champions dopo averla già sfiorata un sacco di volte arrivando fino alla finale».

Non nuovo nemmeno il “vizietto” da parte dell’ex allenatore interista di fare i conti in tasca agli altri (ma sempre col chiaro intento di mettere pressione): «La Juve è uno di quei top club che quest’anno ha speso tantissimo per il mercato, penso che solo il Liverpool in Europa abbia speso di più – ha aggiunto Mourinho parlando alla stampa – . Hanno comprato dei top players assoluti come Cristiano Ronaldo, Emre Can e Leonardo Bonucci, ma contro il mio United dovranno affrontare due partite difficilissime». Questo è poco, ma sicuro.