Nicola: «Futuro? Ora voglio festeggiare»

Cassano crotone nicola
© foto www.imagephotoagency.it

L’allenatore del Crotone Davide Nicola ha parlato del miracolo compiuto in questa stagione alla guida dei calabresi e del suo futuro

La salvezza del Crotone è già passata alla storia. Una rimonta incredibile, ottenuta all’ultima giornata di campionato anche grazie al suicidio dell’Empoli a Palermo: «Su dieci campionati, magari, può accadere una sola volta che una squadra già retrocessa da tempo vinca all’ultimo turno contro un avversario che deve salvarsi», le dichiarazioni del tecnico dei calabresi Davide Nicola. Intervistato da La Gazzetta dello Sport, è lui inevitabilmente l’eroe del miracolo Crotone: «La svolta? Dopo la nona giornata, quando abbiamo cambiato modulo. Poggiando sulla base del 3-­4-­3 sviluppato con Juric, eravamo partiti cercando di sfruttare quelle conoscenze specifiche. È il vantaggio che deriva dal passato, un po’ come è successo per Allegri e Ventura che hanno contato sul lavoro di Conte. Ma finivamo per difenderci male e per costruire peggio: alzando un esterno, siamo passati al 4­-2-­3-1 e poi al 4-­4-­2, con una crescita notevole».

FUTURO – «Voglio festeggiare – prosegue Nicolaquel rinnovo è sulla carta ma mi incontrerò con la famiglia Vrenna e con Ursino, d.s. che ha qualità straordinarie e la necessaria “follia”, come piace a me. Non mi hanno abbandonato, mai mi sono sentito a rischio. Insieme, valuteremo. Serie B? Sono molto ambizioso. Entro pochi anni vorrei arrivare a livelli elevati. Ci terrei a godermi ancora la Serie A».