Non paga gli alimenti: arrestato Fabio Bilica

Ancora problemi per Fabio Bilica, difensore brasiliano che ha militato nel campionato italiano: arrestato per non aver pagato gli alimenti

Fabio Bilica, difensore brasiliano che in Italia ha vestito le maglie di Venezia, Palermo, Brescia e Ancona, ancora una volta si trova a dover affrontare problemi con la legge. Il giocatore lasciò la Sicilia dopo essersi “compromesso” con una ragazza siciliana, dalla quale ha avuto anche una bambina. Bilica è stato arrestato ieri a Joao Pessoa, capitale dello stato del Paraib, con l’accusa di non aver pagato gli alimenti per la figlia ed ora sarà costretto a trascorrere almeno 60 giorni in carcere. Il brasiliano eviterà la detenzione solo nel caso in cui dovesse pagare tutto ciò che deve.

NON E’ LA PRIMA VOLTA – Nel 2000, all’età di 21 anni, Bilica venne arrestato con l’accusa di corruzione di minorenne, mentre nel 2019 finì in carcere perchè non pagava gli alimenti. Ma non finisce qui: nel 2013 venne accusato di aver stuprato una vicina di casa, dopo averle offerto un passaggio in auto. Quello di ieri sera, dunque, è stato solo l’ennesimo arresto per il 37enne che, a causa della recidività, potrebbe pagare a caro prezzo il mancato pagamento degli alimenti.