PAGELLE Italia-Albania, i VOTI ai protagonisti del match
Connettiti con noi

Europei

PAGELLE Italia-Albania, i VOTI agli AZZURRI: BARELLA è ovunque, Scamacca poco cercato

Pubblicato

su

Barella

I voti, i TOP e i FLOP ai protagonisti del match valido per la prima giornata di Euro2024: pagelle Italia-Albania

Le pagelle dei protagonisti del match tra Italia e Albania, valido per la prima giornata di Euro2024.

Ecco i voti degli azzurri vittoriosi sull’Albania per 2-1.

DONNARUMMA 7: Prende il gol più veloce della storia europea degli azzurri ma non gli si può dire molto. Non molto impegnato, ha il merito di chiudere su Manaj nel finale. Esulta, anche se l’arbitro non concedendo il corner annulla la deviazione.

DI LORENZO 6: Inizia male, regalando un corner per troppa preoccupazione e stenta a riprendersi anche in fase di spinta. Poi recupera ordine mentale e fiducia, anche se nel finale ha bisogno dei compagni su una fuga di Hoxha.

BASTONI 7: Ha il merito di pareggiare con un colpo di testa che sembra facile solo per chi li sa fare. Bene in impostazione si macchia di un fallo duro su Broja che avrebbe meritato una sanzione disciplinare

CALAFIORI 6: In costruzione è sicuro ed anche elegante. Però si prende un giallo perché sbraccia con Broja e nel finale si fa sfuggire Manaj nel possibile 2-2. Eccessi di sicurezza, forse.

DIMARCO 6,5: Inizio che più shock non ci potrebbe essere, con la rimessa regalata per il gol di Bajrami. Quel che sbaglia di mano gli riesce nella corsa. Confeziona buoni cross, anche se tutti sanno che può fare di più

(DARMIAN) sv.

JORGINHO 6,5: Scolastico, ma non è un difetto. Se l’Italia ha percentuali alte di possesso è perché lui è una banca, il pallone da lui frutta.

BARELLA 7,5: E meno male che stava male. Fa un grande gol e, soprattutto, è ovunque. Tanto da lasciare il sospetto che l’azzurro molto meno vivo della ripresa dipenda quasi esclusivamente dal suo netto calo fisico.

(FOLORUNSHO) sv.

FRATTESI 6,5: Colpisce un palo e Strakosha ci mette del suo. Non sempre è lucido nelle scelte. Ma capiremo davvero il voto a seconda di come lo utilizzerà Spalletti nelle gare successive, visto che è l’uomo a cui dedica più urla.

PELLEGRINI 6,5: Ottimo il cross che confeziona per l’1-1 di Bastoni. Vivace e presente nella manovra, compresa la sponda che Scamacca non sfrutta a dovere. Ripresa sull’anomimo.

(CRISTANTE) 6: Entra in un momento di ripiegamento e ha il merito di guardare avanti.

CHIESA 6,5: Talvolta incontenibile, in una posizione molto allargata. Nel secondo tempo si intestardisce in soluzioni personali non capendo che Mitaj gli ha preso le misure.

(CAMBIASO) 6: Niente da segnalare, né in bene né in male, se non l’impegno.

SCAMACCA 5,5: Non è da bocciare, ma così non farà mai la differenza. Ha un pallone gol che spara sul portiere, si muove non tantissimo. Va detto che la squadra non sembra pensare a lui come dovrebbe.

(RETEGUI): sv.