Connettiti con noi

Hanno Detto

Parma, Pecchia: «Crediamo nella rimonta, la città deve aiutarci»

Pubblicato

su

Pecchia

Fabio Pecchia, allenatore del Parma, ha parlato in conferenza stampa alla vigilia del ritorno playoff contro il Cagliari

Fabio Pecchia, allenatore del Parma, ha parlato ai canali ufficiali del club alla vigilia del ritorno dei playoff di Serie B contro il Cagliari.

PAROLE – «Dodici mesi fa avevo detto che avevamo bisogno tutti insieme per arrivare in fondo. Forse siamo arrivati al punto che questa frase ha preso forma e sostanza, in tutti i sensi. Al di là di tutte le domande, il messaggio deve essere chiaro: la partita è domani. Con un obiettivo che è chiaro a tutti e tutti insieme, come una grande famiglia, non parlo solo della squadra, ma di tutta una città in festa, di uno stadio pieno, di chi ci sarà fisicamente, chi non ci sarà per altri motivi, tutti mentalmente dentro, perché abbiamo bisogno di una spinta che veramente deve andare oltre. Cento minuti da giocare tutti d’un fiato, noi dobbiamo fare il nostro in campo, sono sicuro che i nostri tifosi faranno altrettanto fuori e sugli spalti, cento minuti di intensità fisica e questo riguarderà noi, di intensità emotiva, perché abbiamo bisogno di qualcosa per battere una squadra forte che si è dimostrata tale, e per farlo dobbiamo farlo tutti insieme. Tutti insieme come una grande famiglia. Tutte le altre cose non ne voglio parlare, voglio indirizzare il focus sulla gara. Come l’abbiamo sempre fatto, l’ho detto ai ragazzi subito dopo la gara e in questi giorni: la squadra, chi ci sarà, gli undici, i 5 cambi, chi sarà fuori ai margini, abbiamo bisogno di tutti. Abbiamo bisogno di un clima straordinario, di un clima di empatia totale per andarci a giocare una partita che ci può portare a giocarci una parte della storia di un club. E quando parlo di tutti insieme, dodici mesi fa quando feci la mia conferenza di presentazione al Tardini, non parlavo solo il tecnico, la squadra, il Presidente e il direttore, ma che avevamo bisogno di tutto l’ambiente, di una città viva che sta rispondendo, ci sarà un Tardini pieno e stracolmo e questa è una grande soddisfazione».