Roma, Garcia: «Il nostro obiettivo? Regalare la felicità ai tifosi»

© foto www.imagephotoagency.it

Le parole in conferenza stampa, alla vigilia di Roma-Fiorentina, di Garcia.

ROMA FIORENTINA GARCIA CONFERENZA STAMPA – Rudi Garcia, allenatore della Roma, è intervenuto in conferenza stampa alla viglia di RomaFiorentina. Queste le dichiarazioni del tecnico francese.

L’OBIETTIVO E LA FORZA – «Ho sentito tante cose, noi abbiamo problemi, tutte le squadre hanno dei problemi ma noi abbiamo una rosa ampia e possiamo gestire e superare queste cose. Noi, i giocatori e io allenatore non possiamo essere come l’ambiente, come i tifosi, come la stampa e dipendere dai momenti, dall’umore o dagli episodi, noi dobbiamo giocare con entusiasmo e regalare la felicità ai tifosi, questo è il nostro obiettivo. Se la Roma è più forte dello scorso anno? La rosa è più ampia, abbiamo tante partite, almeno 22 prima di Natale e per fare in modo di non avere solo una scelta imposta in una zona del campo quando c’è un calciatore infortunato o squalificato, dobbiamo avere almeno due scelte e noi le abbiamo. Sabato ci sono dei calciatori che non possono scendere in campo e io posso fare delle scelte, non ho ancora deciso, ma ho ampia scelta».

LA DIFESA E LA FIORENTINA – «Manolas? Lui dice di essere pronto, ha personalità, carattere, è veloce, ha una discreta esperienza ad alto livello ed è un difensore del futuro per noi. Non ho ancora scelto se mandarlo in campo, non gioca da 3 settimane e non so se potrà fare tutti e 90 i minuti ma almeno è convocabile ed è a disposizione. Io non farò mai paragoni con la rosa dello scorso anno: abbiamo una base ma ora è una storia tutta diversa. Sono arrivati nuovi giocatori, c’è grande voglia ed è questo quello che conta. Sabato c’è la Fiorentina, una bella squadra, ha un atteggiamento di gioco positivo e offensivo, avremo un Olimpico che potrà assistere a una bella partita e questo è importante. Gervinho e Iturbe pronti? Gervinho sicuro, ha il gioco della squadra da un anno e forse di più perchè conosce la mia filosofia da anni. Iturbe sta conoscendo tutti, ha una voglia matta, con il Fenerbahce è entrato in campo rincorrendo tutti e con tanta voglia e io sono contento del suo atteggiamento. Ha un talento immenso, ha una velocità che potrà esserci utile ma lui deve sapere che ci sono degli atteggiamenti difensivi importanti ma da quando è arrivato ha capito questa cosa. Ma non voglio parlare solo di due calciatori, siamo completi in attacco, ci sono Borriello, il piccolo Sanabria e in avanti siamo tranquilli».