Roma, Spal e Qarabag cruciali per il futuro giallorosso

tifosi stadio roma
© foto www.imagephotoagency.it

Mentre la squadra si prepara alle due gare tra A e Champions, la Roma spera in una spinta dei tifosi: la situazione

La Roma ha bisogno di ripartire: l’1-1 in casa del Genoa ha parzialmente rovinato i piani di Eusebio Di Francesco, ma c’è fiducia. Oggi è positivo, se lo sarà pure martedì notte dipende da Spal e Qarabag. Come ricorda “La Gazzetta dello Sport”, in queste due partite c’è in palio tanto: è il pensiero che Di Francesco ha ribadito in queste ore a Trigoria, alla squadra. Non che non fosse già abbastanza chiaro il concetto, ma in fondo è un po’ come quelle ovvie raccomandazioni che un papà fa al figlio: male non fa ricordare.

PRESENZE – Male non farebbe, ad esempio, un Olimpico che a far da spinta alla macchina Roma. E così la società, per venerdì, ha raccolto l’esigenza del tecnico e pensato a un’iniziativa che richiami allo stadio gli studenti: per loro biglietti di Distinti Sud e Nord a 10 euro, gratis tutti gli Under 14 in Tevere. Promozione che è servita almeno a scongiurare il grande freddo ambientale, oltre che climatico: 9 mila biglietti venduti, vuol dire già raggiunta quota 30 mila spettatori. Siamo sotto la media stagionale, sopra al minimo sindacale. Un po’ più su, invece, si andrà martedì col Qarabag: staccati 11 mila tagliandi, uniti ai 16 mila abbonati d’Europa vuole dire 27 mila spettatori garantiti. La Roma vuole almeno quota 40 mila.