Connettiti con noi

Editoriale

Serie A senza soluzione di continuità: Napoli da urlo, alle nerazzurre le prime risposte

Pubblicato

su

Spalletti

La quarta giornata di Serie A si è conclusa con il poker del Napoli e stasera già si riparte con i primi anticipi del quinto turno

Il Napoli è dunque da solo al comando della Serie A. L’ultimo verdetto della quarta giornata è stato espresso con indiscutibile forza e chiarezza dai partenopei, capaci di rifilare un sonante poker all’Udinese che sin qui era arrivata imbattuta e in fiducia.

Koulibaly è tornato insuperabile, Insigne non ha mai smarrito la sua classe, Osimhen una furia impetuosa che devasta qualsiasi difesa. Ma è tutto il collettivo a girare a meraviglia, sapientemente assemblato da Luciano Spalletti, uomo che difficilmente fallisce gli obiettivi prefissati.

Ma è chiaro che questo Napoli possa e debba ambire a qualcosa di più. La qualificazione alla Champions League sfumata sul più bello nello scorso campionato ormai un lontano ricordo. Vietato nominare la parola Scudetto agli albori dell’autunno, ma la candidatura degli azzurri mai come quest’anno sembra poter prendere corpo. E non solo nelle previsioni del CIES, l’Osservatorio del Calcio.

Nemmeno però il tempo di godersi il primato in solitudine che già stasera le prime risposte non si faranno attendere. Il turno infrasettimanale porterà immediatamente in dote una sfida di straordinario interesse che opporrà la sorprendente Fiorentina all’Inter di Simone Inzaghi.

Dopo la scorpacciata con il Bologna, i nerazzurri sono attesi da un banco di prova quanto mai complicato. La Viola ha sin qui dimostrato idee chiare e ritrovato entusiasmo, assecondando alla perfezione i dettami di Italiano e valorizzando ancor di più il fiuto del gol di Vlahovic.

Chi invece non ha ancora ingranato è l’Atalanta di Gian Piero Gasperini che proverà a chiedere strada al Sassuolo per non smarrire altri punti per strada. Anche perché lasciare ulteriore margine di vantaggio a questo Napoli non sembra mossa particolarmente lungimirante per la concorrenza.