Svezia-Corea del Sud 1-0: pagelle, highlights e tabellino – VIDEO

Svezia-Corea del Sud 1-0: pagelle, highlights, tabellino, sintesi e risultato della gara del girone F dei Mondiali 2018

Il rimpianto dell’Italia è tanto. Perché vedere la Svezia ai Mondiali in Russia è una beffa clamorosa. Ed è una ferita che, per l’intero paese, non è ancora stata del tutto lenita. Ma quella vista contro la Corea del Sud è una buonissima Svezia: solida, quadrata, attenta in difesa e spietata quando riparte. La vittoria di misura contro i coreani, che oltre al talento di Son hanno ben poco da offrire, è un segnale molto confortante sulla tenuta degli scandinavi. Che, di qualità, ne hanno eccome. Forsberg può davvero diventare la sorpresa del Mondiale: ha tutto per poter cambiare l’inerzia della partita e, quando ha il pallone fra i piedi, sa sempre che cosa fare. Il talento del Lipsia ha rubato la scena nella sfida contro la Corea del Sud. Ed è pronto a fare ancora meglio nelle prossime due esibizioni. Ci ha pensato però Granqvist, vecchia conoscenza del calcio italiano, a far sì che la Svezia domasse la Corea del Sud: rigore trasformato con freddezza estrema. E primi tre punti alla nazionale guidata da Andersson, che meglio non poteva esordire.

PRIMO TEMPO – La Svezia parte immediatamente con il piede giusto: è Forsberg, da sinistra, il puntello che apre il gioco per gli inserimenti delle due punte. Ed è così che gli scandinavi creano le prime grandi palle gol della partita. Al 20′ azione confusa in area coreana, Toivonen trova in maniera fortuita Berg, che tutto solo calcia a botta sicura ma il portiere coreano Cho Hyun-Woo salva in allungo con il piede destro e sventa la minaccia con un intervento davvero prodigioso. Al 29′ è invece Kim Young-Gwon l’uomo della provvidenza in area di rigore nell’anticipare Pontus Jansson sul secondo palo. La Svezia spinge e spreca, la Corea del Sud va a folate. Ma fa capire di avere le armi per mettere in croce la difesa svedese. Le ha soprattutto Son, il gioiello del Tottenham, che al 36′ si fa tutto il campo palla al piede eludendo la marcatura di Granqvist, ma al momento di depositare il pallone al centro dell’area si fa stoppare proprio dall’ex difensore centrale del Genoa. Al 42′, invece, l’unico episodio da moviola dei primi quarantacinque minuti di gioco: riceve palla in area di rigore Son Heung-Min, Augustinsson lo anticipa perfettamente, ma tocca anche la gamba del coreano. Le proteste degli asiatici sono inutili, l’arbitro Joel Aguilar non fischia il rigore.

SECONDO TEMPO – La supremazia della Svezia del primo tempo resta tale anche nella ripresa. E la Corea del Sud inizia ad innervosirsi, pur creando la prima vera occasione dei secondi quarantacinque minuti: Koo Ja-Cheol crea scompiglio nell’area di rigore svedese, ma il suo colpo di testa in torsione esce di poco lontano dal palo. Al primo vero affondo scandinavo del secondo tempo cambia subito il risultato: al 60′ Kim Min-Woo tocca in area Claesson. Aguilar lo guarda al VAR e concede il calcio di rigore. Che Granqvist, con grande freddezza, trasforma senza esitare nemmeno un secondo. Svezia avanti e pieno controllo della partita, coreani in leggero affanno fisico e mentale. Succede poco altro, anche per la bravura della squadra di Andersson, che spezza il gioco e non consente alla Corea del Sud di prendere fiducia. Non basta Son alla truppa di Shin Tae-Yong: vince la Svezia, che può diventare la mina vagante del girone F. Alla faccia dell’Italia, che guarda da casa il Mondiale russo.

Svezia-Corea del Sud 1-0: pagelle e tabellino

MARCATORI: st 15′ Granqvist rig.

SVEZIA (4-4-2): Olsen 6.5; Lustig 6, Granqvist 7, Jansson 6, Augustinsson 6.5; Claesson 6, Larsson 6 (36′ st Svensson ng), Ekdal 6.5 (21′ st Hiljemark 6), Forsberg 7; Toivonen 6.5 (32′ st Thelin), Berg 5.5. Commissario tecnico: Jan Andersson 6.5.

COREA DEL SUD (4-3-3): H.W.Jo 7; Y.Lee 5.5, J.H.Park 6 (28′ pt Kim Min-Woo 5.5), Y.G.Kim 6, H.S.Jang 5; J.C.Koo 5 (27′ st Seung-Woo Lee 6), S.Y.Ki 6, J.S.Lee 5.5; H.M.Son 6.5, S.W.Kim 5.5 (21′ st Jung Woo-Young 5.5), H.C.Hwang 5.5. Commissario tecnico: Shin Tae-Yong 5.5.

ARBITRO: Joel Aguilar (Colombia) 6.

NOTE: ammoniti Shin-Wook Kim, Hee-Chan Hwang, Viktor Claesson.

SVEZIA – IL MIGLIORE

EMIL FORSBERG 7 – Fa sempre la stessa giocata, ma la fa sempre bene. L’arma letale della Svezia è lui, che parte sempre da sinistra e rientra sul destro con efficacia disarmante. Il talento del Lipsia diventerà l’uomo mercato del Mondiale: presto faranno a pugni pur di prenderlo.

SVEZIA – IL PEGGIORE

MARKUS BERG 5.5 – Quello che si divora nel primo tempo è delittuoso. Per sua fortuna la Svezia se la cava egregiamente nonostante i suoi clamorosi errori sotto porta…

COREA DEL SUD – IL MIGLIORE 

JO 7 – Il portierino, il meno esperto dei tre a disposizione del commissario tecnico Shin Tae-Yong, esordisce con grandissima personalità. Mura Berg ed è il vero padrone dell’area di rigore. Ottima prestazione, la Corea del Sud ripartirà dalla sua freschezza.

JANG 5 – Dove passa lui non cresce più l’erba. Disastroso in fase di spinta, in grande difficoltà in fase di contenimento. La corsia di sinistra è l’anello debole della Corea del Sud.