Tavecchio: «Ripresa? La situazione è grave in Italia, servono delle decisioni»

tavecchio
© foto www.imagephotoagency.it

Carlo Tavecchio ha parlato del momento legato all’emergenza Covid-19. Le parole dell’ex numero uno della FIGC

L’ex presidente della FIGC Carlo Tavecchio ha parlato a Radio Bianconera nel corso di Stile Juventus. L’ex numero uno ha detto la sua sul momento e sul futuro del calcio italiano. Ecco le sue dichiarazioni.

LA RIPRESA – «Credo che in questo momento ci sia bisogno di chiarire la questione che riguarda i campionato. Ci sono già state delle decisioni come in Francia e Olanda, la Germania vuole riprendere mentre in Italia, come al solito, non si capisce: c’è la volontà di tornare ad allenarsi ma non c’è certezza sulla ripresa del campionato. La situazione è grave».

GRAVINA – «Deve difendere assolutamente la regolarità del campionato. I problemi principali saranno per la Serie C e per il calcio dilettantistico, ci sono circa 11mila associazioni calcistiche dilettantistiche che dipendono dal privato ma anche da aziende e soggetti che investono con tante iniziative con sponsorizzazioni, mentre i comuni sono quasi tutti assenti».

PROTOCOLLO – «Bisogna dire se il campionato riparte o si ferma, basta cincischiare. Il protocollo rasenta l’impossibilità esecutiva, come fanno società anche di Serie A a rispettarlo integralmente?».