Buffon: «Fatico ad accettare gli errori. Su Milan-Juve…»

117
buffon rivera
© foto www.imagephotoagency.it

Le dichiarazioni di Gigi Buffon in avvicinamento alla sfida di campionato tra Milan e Juventus per la nona giornata del campionato di Serie A a San Siro

Mai banale. Gigi Buffon, capitano della Juventus, ha rilasciato un’intervista al Corriere della Sera dopo la notte da eroe al Parc OL di Lione in Champions League. Queste alcune delle sue dichiarazioni successive allo sfogo nel post-partita: «L’errore è qualcosa che mi provoca uno choc: non sono abituato, capita e faccio fatica ad accettarlo. Sono molto autocritico, continuo a darmi scudisciate psicologiche e morali per tanti giorni: da me non accetto certi errori. A costo di essere masochista, le critiche mi piacciono e mi stimolano. Se non le accettassi, dovrei smettere di lavorare. Mi stizzisco quando toccano certi argomenti: ho 22 anni di carriera alle spalle, penso di aver dimostrato qualcosa. E l’ultima stagione buona non l’ho fatta tre anni fa: sono stato protagonista dell’Europeo, dentro e fuori dal campo».

LE DICHIARAZIONI – Sabato sera ci sarà la sfida di campionato contro il Milan sorpresa del torneo e attualmente secondo con la Roma: «Il Milan dei giovani mi piace tanto, ha un allenatore avanguardista e che ha personalità come Montella, dà serenità e ama osare. Sembra il progetto della Juve di qualche anno fa, c’è solo bisogno di tempo e di esperienza per migliorare. Donnarumma? Nonostante sia il triplo di me, Gigio è come se fosse un fratellino. Futuro? Un ruolo di allenatore con la sua quotidianità non mi piacerebbe. Un ruolo da c.t. invece non lo escluderei a priori: mi rimarrebbero le emozioni del campo, ma anche un po’ di libertà per dedicarmi ad altre cose».

Condividi