Corea del Nord, portiere squalificato per aver preso goal

70
antoine conte
© foto www.imagephotoagency.it

Arriva direttamente dalla Corea del Nord un particolare caso di squalifica. Il portiere Jang Paek Ho dovrà infatti stare fermo per un anno per aver subito un goal in maniera volontaria

Si chiama Jang Paek Ho, il portiere della nazionale di calcio della Corea del Nord squalificato per un anno per aver intenzionalmente preso goal. A prendere la decisione la Confederazione calcistica dell’Asia, che ha voluto punire il gesto antisportivo di Ho. L’incontro incriminato è quello tra la selezione under 16 della Corea del Nord e i pari età dell’Uzbekistan.
PAPERA? NO ATTO INTENZIONALE: Dopo pochi minuti dall’inizio del match l’estremo difensore coreano subì un goal a dir poco incredibile. Su un rilancio del portiere avversario Ho snagliò completamente il tempo dell’uscita rimanendo beffato. Una rete così roccambolesca non poteva passare inosservata, e non poteva non destare alcuni sospetti. Il match terminò 3-1 in favore dell’Uzbekistan e la Corea del Nord incontrò così nei quarti di finale l’Oman, avverasario modesto, battuto facilmente dagli uomini di Pyongyang che si qualificarono ai Mondiali under 17 in India. Alla competizione non ci sarà però Jang Paek Ho accusato di: «aver portato discredito al gioco del calcio». Quella che a prima vista sembrò una papera colossale, in realtà fu un atto premeditato dal portiere per perdere la partita e poter così incontrare l’agevole Oman.

Condividi