Lazio, Inzaghi: «Preso un gol rocambolesco»

30
lazio inzaghi
© foto www.imagephotoagency.it

Il tecnico della Lazio Simone Inzaghi analizza nel post-gara la sconfitta per 2-0 contro il Milan di Montella

La Lazio esce sconfitta 2-0 nello scontro diretto per la zona Europa contro il Milan. I biancocelesti hanno disputato una buona gara, ma hanno peccato di cinismo. Intervistato da Premium Sport, il tecnico Simone Inzaghi ha commentato così il ko esterno: «Penso che nel primo tempo si sia vista un’ottima Lazio che ha giocato bene e da squadra. Forse la squadra che doveva andare in vantaggio era proprio la Lazio. Però purtroppo abbiamo preso un gol rocambolesco: l’unica azione che de Vrij esce, Parolo scivola e Bacca ne ha approfittato. Nel secondo tempo invece siamo stati meno squadra e abbiamo cercato di risolverla in maniera individuale e non abbiamo giocato come il primo. Anderson e Keita? Sono due ottimi giocatori e sicuramente ci aiuteranno, oggi sono partiti dalla panchina e per come stava andando la partita sembrava la scelta giusta».

CONTINUA INZAGHI – Riporta Lazionews24.com: «La partita era stata preparata bene e non li abbiamo mai fatti giocare, siamo stati bravi a pressarli, ma nel nostro momento migliore è arrivato un gol rocambolesco. Sono contento per la squadra che ha mostrato personalità, ma ci condanna il risultato. Se rifarei la scelta Immobile-Djordjevic? Penso che quella era la scelta migliore e come detto prima non abbiamo fatto giocare il Milan. Domenica entrambi avevano fatto bene contro il Pescara. Nel secondo tempo come detto abbiamo puntato più sull’individualità e questo non va bene per una squadra. Keita dall’inizio? Per noi è stato sempre determinante a partita in corso, poi ha avuto una preparazione particolare e quando sarà pronto verrà lanciato dall’inizio. A che punto è la crescita della mia Lazio? A buon punto, la personalità c’è stata, purtroppo ci mancato solo il risultato e adesso cercheremo di preparare al meglio la partita di domenica contro l’Empoli».

Massimo Balsamo
Giornalista fieramente del Nord. Il pareggio non esiste.
Condividi
Articolo precedente
milan montolivoMontolivo: «Noi più cinici della Lazio»
Prossimo articolo
bisevacStrakosha: «Lazio, guardiamo avanti»