La Juventus vince la sua seconda Champions League – 22 maggio 1996 – VIDEO

22 maggio 1996: a Roma la Juventus alza al cielo la sua seconda Champions League, battendo in finale l’Ajax ai calci di rigore

Roma è sempre stata una città particolarmente fortunata per la Juventus. Lo è stata soprattutto dopo il 22 maggio 1996, il giorno dei giorni. Il giorno che ogni tifoso bianconero ricorderà per sempre. E i ricordi della notte dell’Olimpico li tramanderà, di generazione in generazione. Nella splendida cornice dello Stadio Olimpico di Roma la Juventus disputa la finale di Champions League. Marcello Lippi e la sua truppa affrontano l’Ajax, detentrice del titolo, di Van Gaal. Madama, in maglia gialloblù, sblocca la partita dopo dodici minuti con un gran gol di Fabrizio Ravanelli, che sfrutta un malinteso fra Frank De Boer e Van Der Sar.

I lancieri sono in grande difficoltà, ma riescono a rialzare la testa qualche minuto dopo. Al termine del primo tempo Litmanen, il gioiellino della compagine olandese, segna la rete del pareggio, sfruttando un’indecisione della retroguardia bianconera. La gara, ricca di emozioni e palle gol, si protrae fino ai supplementari e i conseguenti calci di rigore. Dagli undici metri i bianconeri sono infallibili e, senza mai spiazzare il portiere olandese, segnano con Ferrara, Pessotto, Padovano e Jugovic. Per l’Ajax sbagliano Edgar Davids, che qualche anno dopo vestirà proprio la maglia della Juventus e Silooy.

Dopo la trasformazione del serbo Jugovic la Vecchia Signora può festeggiare la tanto sognata Champions League, la seconda della sua storia. Figlia di un meraviglioso collettivo magistralmente orchestrato da Lippi. Ma figlia soprattutto dei grandissimi campioni di una squadra che, negli anni ’90, riesce a far la voce grossa sia in Italia che in Europa, contrastando anche lo strapotere del Milan, il vero grande rivale su tutti i palcoscenici.


Il contenuto video fa parte della serie web “Almanacco del Calcio“, prodotto da Sport Review srl.