Max Allegri: «Con il Sassuolo scontro diretto. Dybala deve ritrovare la condizione»

allegri
© foto www.imagephotoagency.it

Il tecnico livornese parla nella conferenza stampa pre Sassuolo: «Ronaldo domani segna. Can gioca, Khedira, Chiellini e Pjanic in dubbio».

Alla vigilia del match contro il Sassuolo di De Zerbi, Massimiliano Allegri ha rilasciato alcune dichiarazioni nella consueta conferenza stampa. Una sfida che arriva con la Juventus a punteggio pieno e i neroverdi diretti inseguitori, dopo 2 vittore (Inter e Genoa) e un pareggio (Cagliari). «Le squadre di De Zerbi giocano sempre bene, lui è molto bravo. Hanno giovani e giocatori più esperti e per noi, vista la classifica, è uno scontro diretto. De Zerbi sta facendo bene con quello che ha a disposizione»

Inevitabili le domande su Paulo Dybala, anche quest’anno non un titolarissimo per il tecnico livornese. «Sono molto contento di come è entrato a Parma l’ultimo quarto d’ora, già con un approccio completamente diverso. Poi deve fare come gli altri, allenarsi, trovare una condizione ottima. Non ha giocato perché ho fatto scelte tecniche e di formazione. Nessuno mette le qualità di Paulo in discussione, ma io devo mandarne in campo 11 più 3. Qualcuno poi in una rosa del genere è ovvio che rimanga fuori. Però si stanno mettendo pressioni addosso che non vanno bene, perché se domani gioca e non fa una bella partita voi siete i primi a massacrarlo, e io lo devo evitare».

Allegri si sofferma poi sui singoli: «Non mi aspetto né più né meno da Ronaldo. Non ha segnato nelle prime 3, tutti lo aspettavano e ha segnato Mario. Credo domani si sbloccherà e farà golMandzukic domani gioca, Chiellini e Khedira non so ancora. Giorgio forse avrà un turno di riposo». Al posto del tedesco, probabile l’ingresso di Emre Can: «Domani potrebbe partire titolare, anche perché Pjanic difficilmente giocherà. Chi ha giocato due partite in Nazionale non sarà titolare, eccezion fatta per Matuidi». Un commento finale sulla porta e l’esordio di Perin: «Domani gioca Szczesny, ma da adesso ci sarà anche spazio per Perin, che è pronto per giocare e si sta allenando bene»

Chiosa finale sul capitolo attacco: «Nel calcio ci vuole equilibrio, è questione di caratteristiche dei giocatori. Se giocano Dybala, Ronaldo e Mandzukic quando abbiamo la palla è tutto facile, quando non la abbiamo tutti devono stare a disposizione. Quando giocavamo due anni fa con Dybala, Mandzukic, Higuain e Cuadrado siamo arrivati in fondo perché tutti si mettevano a disposizione. Basta trovare equilibrio. Abbiamo preso già 3 gol in 3 partite e molti tiri in porta, e questo non va bene. Dobbiamo trovare in questo una solidità diversa, e per farlo devono mettersi tutti a disposizione».