Bayern Monaco, Uli Hoeneß torna presidente del club dopo il carcere
Connettiti con noi

2016

Bayern Monaco, Uli Hoeneß torna presidente del club dopo il carcere

Pubblicato

su

Bayern monaco

Uli Hoeneß riceve una valanga di voti e torna ad essere Presidente del Bayern Monaco dopo 21 mesi di carcere per evasione fiscale

Una cosa è certa: in Germania se evadi il fisco finisci dietro le sbarre. È quello che è successo a Uli Hoeneß, presidente del Bayern Monaco ed ex attaccante tedesco.

CARRIERA NEL BAYERN E LA CONFESSIONE AL FISCO – La sua carriera dopo il ritiro dal calcio giocato inizia nel 1979, il Bayern Monaco gli dà la possibilità di diventare direttore generale e commerciale. La squadra in quel periodo ottiene grandi risultati sul campo: mette insieme 15 campionati, otto coppe di Germania, tre supercoppe, una coppa Uefa e una Champions League. Affianco ai notevoli risultati sportivi arrivano anche quelli economici, il Bayern si dota di un nuovo stadio e Hoeneß nel 2009 viene eletto presidente al posto di Beckenbauer. Ricoprirà la carica per ben cinque anni vincendo altrettanti campionati e coppe. Nel marzo 2014, dopo il procedimento a suo carico per evasione fiscale, per il quale Hoeneß patteggia una condanna di 3 anni e sei mesi di carcere, si dimette dalla carica di presidente.
VOTAZIONE QUASI UNANIME PER IL SUO REINTEGRO IN CARICA – Uscito dal carcere dopo 21 mesi l’ex attaccante tedesco è stato rieletto dai soci del club, come riporta La Repubblica, con una vera e propria valanga di voti: 6000 favorevoli un centinaio i contrari. Reintegrato nella sua carica, affiancherà Karl-Heinz Rummenigge, amministratore delegato. Ritornato sui suoi guai giudiziari Houneß non nega le sue responsabilità prima della votazione da parte dei soci: «Ho commesso un reato grave, questo e’ indiscutibile e rispetto chi non votera’ per me, ma ho fatto di tutto per pagare le mie colpe, ho pagato il mio debito con la giustizia e mi sono messo in regola con il fisco fino all’ultimo centesimo».