Bologna, Mihajlovic: «Vignato merita di partire titolare. Mercato? Se Denswil va via..»

Iscriviti
Mihajlovic
© foto www.imagephotoagency.it

Sinisa Mihajlovic ha parlato in conferenza stampa alla vigilia della sfida contro l’Udinese: queste le parole del tecnico del Bologna

Sinisa Mihajlovic ha parlato in conferenza stampa alla vigilia della sfida contro l’Udinese. Queste le parole del tecnico del Bologna riportate da TMW.

FIORENTINA – «A Firenze non mi sono piaciuti gli ultimi 10 minuti perchè sembrava non stessimo giocando per vincere. Dopo la gara mi hanno detto che queste partite qualche anno fa si perdevano, io credo che però si vincevano anche. Bisogno osare, prendersi quei rischi che servono per vincerle. Negli ultimi dieci minuti a Firenze ci siamo quasi accontentati e questo non mi è piaciuto. Avrei voluto vedere una squadra che provava a vincerla, anche se le occasioni per farlo le avevamo avute anche prima. Dipende sempre tutto da quello che vuoi fare, io sono sempre per cercare di vincere anche se puoi rischiare di perdere».

VIGNATO«Barrow in panchina? Potrebbe essere, perché abbiamo i cambi adeguati. Vignato per quello che ha fatto si merita di partire dall’inizio, o domani o sabato sicuramente partirà titolare e questo non per Barrow ma perché Vignato se lo merita».

UDINESE – «L’Udinese è una squadra forte, che ha tutto: tecnica, fisicità, velocità. In attacco sono bravi, dietro sono forti fisicamente. Ti concedono poco, attaccano sempre con 5 o 6 giocatori, hanno Lasagna, De Paul, poi si è fatto male Pussetto ma hanno tante altre soluzioni. Anche dietro hanno un grande organico, sono una squadra completa. Se vogliamo fare risultato domani dobbiamo fare una grande prestazione e anche se ci concederanno poco dovremo essere bravi a sfruttare le occasioni che ci si presentano».

MERCATO«Non abbiamo parlato di mercato, l’ho sentito solo il primo dell’anno assieme alla squadra per farci gli auguri. Paz? Vedremo quello che succede. Aspettiamo di capire se Denswil va via perché in quel caso, al di là di Paz, qualcuno dovremo prenderlo».