Bonato: «Per Allegri rischiai l’arresto. Zapata resta»

Bonato: «Per Allegri rischiai l’arresto. Zapata resta»
© foto www.imagephotoagency.it

Un retroscena su Massimiliano Allegri ai tempi del Sassuolo e anche Duvan Zapata al Napoli: il direttore sportivo dell’Udinese Nereo Bonato svuota il sacco

Nereo Bonato è il direttore sportivo dell‘Udinese ma ha lavorato per anni al Sassuolo. Proprio nella sua esperienza neroverde ha avuto a che fare con un giovane Massimiliano Allegri, ai tempi in veste di allenatore. Si era in Serie C1 e l’attuale ds bianconero rischiò l’arresto per prendere il tecnico, nel vero senso della parola. In pratica Bonato racconta che Allegri era il candidato numero uno per il Sassuolo dopo l’addio di Remondina a estate in corso, ma si era accordato col Lecco e gli emiliani si misero a lavoro per un accordo: «Ci demmo appuntamento a Piacenza ma il traffico li fece arrivare tardi, ci mettemmo a parlare per strada e arrivò la polizia a chiederci i documenti!».

ZAPATA, SARRI E BONATO – A parte quello spiacevole inconveniente poi Allegri è passato al Sassuolo e ha vinto il campionato alla prima come gli è successo alla Juventus e al Milan. Lo stesso Bonato però ha altri problemi di cui preoccuparsi e deve cercare di trattenere Duvan Zapata dagli assalti del Napoli: «Non glielo daremo. Sarri sono convinto che preferisca Leonardo Pavoletti». Infine a Tuttosport si parla anche di gestione del calcio italiano e di Lega di Serie A: «Serve un nuovo progetto in Italia che abbracci più leghe possibile e pensi anche ai giovani, c’è da lavorarci su».