Connettiti con noi

Calcio italiano

Caso D’Onofrio, i legali di Trentalange contro il commissariamento dell’AIA

Pubblicato

su

Trentalange

Gli avvocati di Trentalange contro il commissariamento dell’AIA da parte della FIGC in seguito al caso D’Onofrio

Domani Alfredo Trentalange, presidente dell’AIA, verrà sentito dal procuratore Figc Giuseppe Chinè, in vista del consiglio federale della prossima settimana, in cui si discuterà del commissariamento dell’AIA in seguito alle vicende del caso D’Onofrio. I legali del presidente dell’AIA, Mattarella, Presutti e Gallinelli si sono espressi contro il commissariamento. Di seguito le loro parole.

«Significherebbe infrangere palesemente la legge e rappresenterebbe un grave strappo al principio democratico. Il commissariamento di un ente non assume carattere sanzionatorio nei confronti dei titolari dell’organo estromessi dalle loro funzioni, ma costituisce una forma di ingerenza dell’autorità di vigilanza nell’amministrazione dell’ente solo per porre rimedio ad una situazione di pregiudizievole disfunzione dello svolgimento dell’attività istituzionale Dal 1974 ad oggi, questa è la regola alla quale deve rispondere il commissariamento di un ente: l’allontanamento degli amministratori eletti si dà solo se esiste una reale e persistente disfunzione dell’ente. La possibile disfunzione non ha più nessuna possibilità teorica di ripetersi. Il 15 novembre scorso, Aia ha infatti accettato che la giustizia sportiva trasmigrasse sotto il governo diretto della Figc. Dunque: non esiste oggi alcuna remota possibilità che in Aia si ripeta una situazione di pregiudizievole disfunzione dello svolgimento dell’attività istituzionale. Né alcuno ha mai anche soltanto ipotizzato che in altri ambiti di attività dell’Aia esista il benché minimo problema: tutto funziona alla perfezione».

News

video