Conferenza stampa Piquè: «Il Napoli ha giocatori molto importanti. Su Messi e Maradona…» – VIDEO

Iscriviti

Conferenza stampa Piquè: le parole del difensore blaugrana alla vigilia del match contro il Napoli in Champions League – VIDEO

Insieme a Quique Setien c’era anche Gerard Piquè in conferenza stampa per presentare la sfida al Napoli di domani sera, valevole per l’andata degli ottavi di Champions League. Le parole del difensore blaugrana.

NAPOLI – «E’ la nostra prima volta qui, è sempre una esperienza nuova. Ultimamente il Napoli è migliorato molto, hanno battuto la Juventus e nella fase a gironi hanno battuto il Liverpool. Presteremo molta attenzione».

OBIETTIVI – «Noi dobbiamo proseguire col nostro obiettivo, la cosa più importante per noi è quello che succede nel terreno di gioco. Il risultato è ciò che interessa al club, ciò che interessa è vincere e fare bene in campo. E’ importante pensare alla partita, non c’è spazio per altre cose. Dobbiamo restare concentrati, vogliamo ottenere un buon risultato in questa gara d’andata per giocare il ritorno più tranquilli. Il Napoli è migliorato nelle ultime gare, così come noi, ed è importante fare bene».

VINCERE LA CHAMPIONS – «Non siamo sicuramente i favoriti, ma abbiamo una grande squadra con una bella rosa. Le possibilità le abbiamo, l’importante è provarci passo dopo passo. Ci sono molti esempi di squadre che partono molto bene nella stagione e poi alla fine arrivano cotti, noi in questo momento non sembriamo i più forti, ma magari arriviamo ad aprile e maggio in grande forma. Dobbiamo pensare partita dopo partita».

PAURA DEL NAPOLI – «Abbiamo paura di molte cose. Non ha iniziato bene la stagione, ma ha continuato a crescere nelle ultime settimane. Ha giocatori molto buoni come Mertens, Insigne e Milik. Sicuramente ci può dare problemi se scendiamo in campo con una mentalità non adeguata. Proveremo a fare la nostra partita, sarebbe importante segnare».

MESSI E MARADONA – «Di Maradona s’è detto tutto, è un giocatore unico che ha dato molto a questo sport. E’ passato al Barcellona e poi anche al Napoli, sarà ricordato per sempre. Se però mi chiedi un paragone tra Maradona e Leo, scelgo la regolarità di Messi viste le sue magie per tanti anni».