Dall’Inghilterra: Chelsea-Conte, addio a fine stagione. Per lui Milan o Roma

Dall’Inghilterra: Chelsea-Conte, addio a fine stagione. Per lui Milan o Roma
© foto www.imagephotoagency.it

Chelsea-Conte, rapporto già finito secondo i retroscena inglesi. Le parti avrebbero deciso di troncare al termine di questa stagione: l’ex tecnico juventino resta ad oggi nel mirino soprattutto di Milan e Roma

Una sconfitta, forse anche prevedibile, che però secondo i media inglesi ha rovinato un rapporto che negli ultimi tempi era di per sé già poco idilliaco. Il Chelsea avrebbe deciso: questa sarà l’ultima stagione di Antonio Conte. Lo riporta stamane il Sunday Times, secondo cui la dirigente dei Blues avrebbe già deciso di mettere fine al rapporto con il tecnico italiano, causa anche le continue lamentele dell’ex allenatore della Juventus. Non è di certo la prima volta che se ne parla: già in estate Conte sembrava davvero vicino all’addio ai londinesi, complice un mercato che non lo aveva lasciato per nulla soddisfatto. Ieri, dopo la sconfitta con il Manchester City di Pep Guardiola, tra le favorite di Premier League, Conte avrebbe fatto nuovamente presente alla società che, secondo il suo modo di vedere, l’attuale rosa non sarebbe al livello delle diretti concorrenti inglesi ed europee…

Per questo il Chelsea, impossibilitato a cacciare Conte subito (causa i risultati comunque fino a qui ottimi e la difficoltà a reperire sostituti all’altezza) avrebbe scelto di concludere alla fine della stagione il rapporto. Lo stesso Conte, qualche giorno fa, aveva dichiarato di avere moltissima nostalgia dell’Italia e di voler tornare quanto prima. Sulle sue tracce, stando sempre ai retroscena raccontati dal tabloid domenicale inglese, ci sarebbe su tutti il Milan (leggi anche: Milan, il sogno resta Conte). Anche la Roma potrebbe giocarsi qualche chance, stando alle indiscrezioni, in caso di addio di Eusebio Di Francesco. Chi invece, almeno per ora, avrebbe rinunciato definitivamente a Conte, è l’Inter, soddisfatta almeno per adesso del rendimento del suo condottiero Luciano Spalletti. Per ora solo voci.