Finnbogason la sa lunga: «Messi? Fortuna che non mi toccherà difendere» – VIDEO

Islanda a poco più di una settimana dall’esordio dei Mondiali con l’Argentina. Dopo aver fermato il Portogallo di Cristiano Ronaldo due anni, Finnbogason spera nel bis contro Messi

Doveva essere una passeggiata sul velluto per il Portogallo, invece l’esordio degli Europei 2016 contro l’Islanda, a Saint-Etienne, fu davvero traumatico: dopo l’iniziale vantaggio di Nani, i semi-sconosciuti giocatori della piccola isola del Nord Europa trovarono il pareggio nel secondo tempo con l’ex Pescara Birkir Bjarnason. Un risultato davvero a sorpresa – quello tra le due nazionali – che fece da vera e propria spinta per i lusitani, vincitori poi della rassegna europea continentale un mese più tardi, e che non ha mai dimenticato nemmeno Alfred Finnbogason, spilungone d’attacco islandese che attualmente milita tra le fila dell’Augsburg, in Bundesliga. Ventiquattro mesi dopo circa Portogallo e Islanda (leggi anche: ISLANDA: PROBABILE FORMAZIONE E CONVOCATI) sono al Mondiale di Russia 2018: i campioni d’Europa in carica nel gruppo B con Spagna, Marocco ed Iran, i non più tanto debuttanti ragazzi del Nord inseriti invece nel difficile gruppo D con Argentina, Croazia e Nigeria. Se due anni fa insomma era Cristiano Ronaldo l’avversario da battere all’esordio per la minuscola Islanda dei miracoli, adesso sarà Leo Messi… Inizi facili mai.

«Sono contento di giocare come attaccante, perché forse non dovrò difendere più di tanto contro di Messi – ha ammesso senza problemi qualche tempo fa un sornione Finnbogason nel corso di una intervista proprio in vista dell’esordio Mondiale contro l’Albiceleste (leggi anche: ARGENTINA: PROBABILE FORMAZIONE E CONVOCATI) del 16 giugno (ore 15, Otkrytiye Arena . La cosa bella di tornei come questo è poter giocare contro grandi campioni. Anche contro Ronaldo è stato molto speciale: era così arrabbiato per non aver vinto contro di noi… Spero che un’altra star mondiale rimanga delusa». Ogni riferimento a Messi, in questo caso, non è puramente casuale.


Leggi anche: MONDIALI RUSSIA 2018: TABELLONE E PROGRAMMA