Fiorentina, Pasqual: “Riportiamo questa squadra in Europa”

© foto www.imagephotoagency.it

Le parole del terzino viola Manuel Pasqual dal ritiro di Cortina d’Ampezzo:
“Siamo partiti con grandissimo entusiasmo, stiamo lavorando molto bene e con l’intensità  giusta. Il Mister ci ha messo da subito a nostro agio”. L’eventuale arrivo di Insua può infastidirti? “Assolutamente no. Prima della conclusione della scorsa stagione ho dato alla società  la mia massima disponibilità  a rimanere in viola. E’ sei anni che sono qua e ne ho visti tanti arrivare a tanti andare via. Sto bene qua, darò sempre il massimo per questa maglia e per convincere Mister Mihajlovic gara dopo gara”. Come mai Prandelli ti ha tenuto fuori? “Erano semplicemente scelte tecnico tattiche. Un professionista deve accettare anche le esclusioni. Certo rimanere fuori non piace a nessuno, ma per me è stato solo uno stimolo per migliorarmi”. Sinisa vuole due esterni alti? “Non solo, vuole anche la difesa molto alta. Avere una difesa alta vuol dire essere compatti tra i reparti e di conseguenza correre meno”. Per te è cambiato qualcosa con l’arrivo di Mihajlovic? “Non voglio fare paragoni tra passato e presente. Il Mister ride e scherza molto, però sul campo esige massima serietà “. Le tecniche di Mihajlovic per calciare le punizioni possono fare la differenza? “Spero che possa essere l’arma in più per questa stagione”. Fiorentina più forte questo anno? “Lo vedremo a fine stagione, sicuramente c’ è grande entusiasmo. Siamo sicuri di poter raggiungere l’Europa”. Nazionale? “Ribadisco che il primo pensiero è quello di ripartire bene e riportare la Fiorentina in Europa”. Mai pensato di andare via? “Quando per mesi consecutivi non sfiori il campo un pensierino ce lo fai, ma per fortuna ho sempre sentito la fiducia della società  e questo mi ha dato forza nei momenti difficili”. Mentalità ? “La Fiorentina si rispecchierà  nel carattere di Mihajlovic. Il Mister ha detto che vuole giocarsela su tutti i campi”. Come mai la campagna abbonamenti è in calo? “E’ un momento di crisi generale, è normale. E’ difficile andare avanti, arriva un momento in cui per forza di cose ti devi fare i conti in tasca e di conseguenza rinunciare a qualcosa. Sono convinto però che i tifosi presenti allo stadio come sempre saranno numerosi”.

Fonte | ViolaChannel.tv