Gasperini: «Viviamo sulle ali dell'entusiasmo. Holm? Mi ha stupito»
Connettiti con noi

Atalanta News

Gasperini: «Viviamo sulle ali dell’entusiasmo. Holm? Mi ha stupito»

Pubblicato

su

Gasperini

Le parole in conferenza stampa dell’allenatore dell’Atalanta Gian Piero Gasperini dopo la vittoria contro il Frosinone

Ecco la conferenza stampa integrale dell’allenatore dell’Atalanta Gian Piero Gasperini dopo la vittoria contro il Frosinone.

OTTIMO PERIODO«Ottimo periodo per noi sia per crescita di squadra che individuale. Un momento molto positivo per noi anche avendo fatto bene in Coppa Italia ed Europa League: stiamo vivendo questo campionato con entusiasmo. Siamo stati anche molto più attenti, dove abbiamo pagato anche qualche infortunio. Stiamo crescendo veramente in tanti. Hien ci sta dando una mano, cresciuto molto Holm, stessa cosa Miranchuk, Pasalic in quel ruolo vale come Koop e Ederson».

ATTACCANTI E SCAMACCA – «L’attacco è sempre stato un fattore determinante. Sono stati tutti goal belli, tecnicamente forse potevamo giocare meglio. E’ importante per noi realizzare e fare goal che portano fiducia sotto tutti i punti di vista, avendo anche qualità. Scamacca? Ha fatto una buona partita poi è calato un po’. Lì passa un po’ quello che sarà il nostro futuro: davanti Miranchuk sta facendo benissimo, Mario ha avuto lucidità, speriamo di vedere anche El Bilal Touré: non gioca da tanto, ma tecnicamente ha bisogno di recuperare. Hateboer? Ci vuole ancora molto, però anche lì siamo coperti».

SUPERCOPPA «La Supercoppa ha costretto molte squadre a saltare il turno. Lo useremo per Touré e anche i vari infortunati: sfrutteremo anche per mettere dentro qualche soluzione. Ho una squadra che si comporta bene in campo. Qualcuno doveva rifiatare un po’ e cercheremo di fare questo in due settimana. Il nostro sarà un calendario complicato visto che giocheremo di seguito sia con il Milan che con l’Inter: non mi entusiasma giocare più partite insieme».

HOLM «Atleta straordinario con una fisicità incredibile. Inspiegabile per quanto fosse carente all’inizio, anche davanti non aveva una buona condizione. E’ un giocatore comunque che ha riscontrato un piccolo infortunio: ci ha messo sicuramente un po’ di più, però ha sempre lavorato con grande volontà: mi ha stupito sul piano difensivo soprattutto contro il Milan quando marcava Leao. E’ riuscito a cambiare scheda sul livello di attenzione perché poi quando parte è un treno».

GARA D’ANDATA«Abbiamo buttato via un primo tempo dove c’era un caldo infernale. Ci avevano notevolmente sorpreso. Abbiamo sprecato qualche opportunità, però anche il Frosinone è una squadra giovani con tanta rapidità dove diventa difficile fare la differenza. Fare tre goal in 7 minuti diventa difficile per la squadra avversaria. Per raggiungere l’obiettivo può salvarsi».