Ibarra: «Dura lotta alla pirateria. Occorre un calcio a costo razionale»

diritti tv
© foto www.imagephotoagency.it

Ibarra, amministratore delegato di Sky ha parlato attraverso Repubblica di alcuni temi molto importanti come pirateria e diritti tv

Ibarra, amministratore delegato di Sky ha parlato attraverso Repubblica di alcuni temi molto importanti come pirateria e diritti tv.

A COSTO RAZIONALE- «​Aspettiamo le regole del prossimo bando di gara per il 2022-24, se sarà con pacchetti di partite, come in passato, o se invece darà l’esclusiva per canali. In questo caso, il nostro obiettivo sarà di dare al cliente Sky la libertà, a un costo razionale, di guardare la sua squadra via parabola, via internet o via cellulare attraverso Sky go».

CANALE DELLA LEGA – «Sono anni che sento parlare di questo progetto, non so cosa deciderà la Lega. Nei mesi del lockdown abbiamo trovato accordi con tutte le leghe calcio europee e sono ancora fiducioso che troveremo un accordo anche in Italia».

SULLA PIRATERIA – «Mi stupisce però che in questo Paese, dove la pirateria è un fenomeno più rilevante rispetto al resto d’Europa, quello di chi ruba i contenuti sia per la Lega un problema di “serie B”. Per massimizzare il ritorno di questo sport, collaborare per ridurre la pirateria è importante tanto quanto trovare il miglior modo per strutturare la gara». 

SULLO STREAMING – «Lo streaming prende sempre più piede, e tutti gli operatori via cavo sanno che il futuro dei contenuti è quello. Per la sostituzione completa ci vorrà diverso tempo, ma anche se il quadro cambia a seconda dell’anagrafe dei clienti e della geografia dell’Italia, nelle città dove la rete è capillare lo streaming diventerà la tecnologia dominante nell’arco di 2-3 anni».