Ogbonna su cori razzisti a Koulibaly: «Strategia per colpire il più forte»

Ogbonna su cori razzisti a Koulibaly: «Strategia per colpire il più forte»
© foto www.imagephotoagency.it

Angelo Ogbonna e il razzismo nel mondo del calcio: le parole del difensore del West Ham sui fatti di Inter-Napoli

Continua il dibattito sul razzismo nel mondo del calcio, parola ad Angelo Ogbonna. Ecco il commento del difensore a La Stampa: «Che effetto mi hanno fatto i buu razzisti a Koulibaly in Inter-Napoli? Brutto. Mi dispiace soprattutto il fatto che non sia una novità, che certe scene in Italia ormai si ripetano di frequente. La maggior parte delle persone parla di razzismo ma bisogna individuarlo in varie sfaccettature. Penso che a volte si tratti proprio di maleducazione, di cattivi comportamenti dilaganti. Le faccio l’esempio di Materazzi, per anni diventato «figlio di…» ovunque giocasse proprio dopo la morte della madre. Anche quello era ed è inaccettabile».

Prosegue Angelo Ogbonna. «Nel caso di Koulibaly da una parte può essere razzismo, dall’altra anche la strategia di colpire il giocatore più forte della squadra avversaria. Del resto anche l’Inter ha giocatori di colore: Asamoah, Joao Mario. Però… Se la maggior parte delle volte viene bersagliato il giocatore nero, significa che qualcosa non va. Ci sono regole magari non applicate. L’Inter stessa dovrebbe fare qualcosa di concreto, le scuse oggi come oggi non bastano più, se le porta via il vento. Lasciare il campo? Andarsene in caso di buu può essere utile, se lo avessero fatto già a San Siro non penso che ci sarebbero stati problemi. Sarebbe stato anzi un segnale forte, lo sarà la prima volta che accadrà».