Italia, Castagner: “Europeo straordinario. Gli spagnoli hanno qualcosa in più”

© foto www.imagephotoagency.it

Ho avuto la netta sensazione che la squadra fosse nettamente in difficoltà, che non abbia recuperato dalla partita contro la Germania. In più mi è parso strano vedere Chiellini subito con problemi: forse, non era in condizione di giocare, ma così facendo, rischiandolo, si è sprecato subito un cambio“, queste le prime parole di Ilario Castagner sulla disfatta azzurra ai microfoni de Ilsussidiario.net.

L’ex tecnico trova poi così la chiave di lettura dell’incontro: “Mi ha colpito la grande differenza di movimento e agilità tra noi e la Spagna. Loro non hanno fatto giocare Pirlo, non gli hanno dato l’opportunità di gestire la palla, e poi sulla manovra, una volta recuperato il possesso, sono straordinari, hanno palleggiatori fantastici come Xavi e Iniesta. Non ci hanno fatto giocare“.

In definitiva è un secondo posto “di lusso” visti i pronostici con cui l’Italia ha convissuto sin dall’inizio: “Non c’è dubbio. Nessuno alla vigilia avrebbe pronosticato un cammino simile. Siamo arrivati secondi, resta un campionato del quale essere orgogliosi. Applaudo tutti i giocatori, appluado Prandelli: a parte stasera, la squadra ha sempre fatto il suo“.

In chiusura Spagna imbattibile, o quasi, secondo Castagner: “Al momento, hanno qualcosa in più di chiunque altro. Giocano a memoria, hanno calciatori tecnici e dinamici, e non è un caso che non prendano mai gol, ricordiamo che hanno subito solo il gol di Di Natale e in partite secche non subiscono mai una rete: questo perchè sono compatti dietro, ed è il frutto di una scuola che ha portato ai successi degli ultimi anni“.