Joaquin rivela: «Dopo che avrò smesso vorrei diventare un torero»

© foto www.imagephotoagency.it

In una lunga intervista concessa ad AS Joaquin ripercorre gli anni di Firenze svelando anche il suo sogno da bambino

Joaquin Sanchez, alla soglia dei 39 anni, sta vivendo una seconda giovinezza con la maglia del Real Betis. Voglia di smettere? Per il momento nessuna come conferma sulle pagine di AS.

FIORENTINA – «Firenze mi manca tanto, è una città simile a Siviglia: si mangia e si vive benissimo, ogni tanto vogliamo tornarci perché abbiamo tanti amici in quel posto. Se non mi avesse chiamato il Betis, avrei rinnovato per un altro paio di stagioni senza dubbio. Ma nella mia testa ormai io stavo tornando indietro: non ho mai voluto lasciare Siviglia e il Betis, erano state circostanze di mercato».

FUTURO – «Poi voglio realizzare un sogno che avevo da bambino: diventare torero, anche se è molto difficile. Mi piacerebbe entrare in questo mondo, sempre nel rispetto di una professione molto delicata e dare il mio contributo benefico a tutte le persone nel mondo dei tori».

SOGNO – «Ho fatto di tutto per toreare. Mi sono iscritto alla scuola di corrida a El Puerto e nell’istante in cui mia madre vide che la cosa stava diventando seria con mio padre spinse affinché scegliessi il calcio, perché lei soffriva molto. Grazie al calcio sono stato in grado di imparare di più sul mondo della corrida».