Allegri tra Milan e Napoli: «Non possiamo sbagliare. Bonucci? Nessun rancore»

allegri dybala juventus
© foto www.imagephotoagency.it

Vigilia di Juventus-Milan, big match della 30^ giornata di Serie A 2017/2018: le parole in conferenza stampa del tecnico bianconero Massimiliano Allegri

Il big match della 30^ giornata di Serie A 2017/2018 sarà la sfida dell’Allianz Stadium tra Juventus e Milan. Intervenuto in conferenza stampa alla vigilia, il tecnico bianconero Massimiliano Allegri ha iniziato ricordando due episodi extra-calcio: «Il mio pensiero oggi è per le famiglie delle vittime dell’incidente di Livorno. E voglio fare un faluto a Emiliano Mondonico, che ha saputo vivere il calcio con passione e con semplicità». Prosegue poi l’allenatore livornese, parlando della sfida di domani con il Milan ed il finale di stagione che attende Higuain e compagni: «A partire da domani inizia un bellissimo ciclo che va affrontato con entusiasmo e con l’ambizione di centrare tutti i risultati. Lavoriamo tutti per arrivare a questo momento della stagione. A Ferrara ci siamo giocati un bonus, ora abbiamo il Milan: sarà una sfida equilibrata. Il Milan è una squadra molto tecnica, Gattuso gli ha dato ordine: sta facendo molto bene».

Continua Massimiliano Allegri, parlando del pranzo tra Paulo Dybala e Diego Simeone a Madrid: «Spero che gli hanno offerto il pranzo: non lo so, sono cose che capitano. In questo momento credo che la cosa più importante per lui e per la Juve è che faccia un grande finale di stagione così da conquistarsi il Mondiale: io penso che al Mondiale ci andrà». Sull’utilizzo di Chiellini e la corsa scudetto: «Chiellini domani gioca: col Real Madrid chi ci sarà, giocherà. Il presente è domani, abbiamo una partita importante da vincere. Da giocare a + 7 sul Napoli, domani rischiamo di trovarci a -1. L’unico obiettivo del Napoli è il campionato, è fuori da tutto: è un anno troppo importante per loro, quest’anno cercheranno di battere ferro. Per noi è uno stimolo importante». Continua Allegri, parlando di Leonardo Bonucci: «Credo che sia una serata e una partita speciale per Leo. Ha dato molto alla Juventus, la Juventus ha dato tantissimo a lui. Quest’estate ha fatto le sue scelte per sue motivazioni, è legato alla banda dei tre Buffon-Barzagli-Chiellini ma domani lo troviamo da avversario. Rancore da parte sua? Non ce n’è: l’episodio di Porto era per il bene suo e della Juve. Nel calcio non ci deve essere rancore, ho un ottimo rapporto con lui».