Maradona dimesso dall’ospedale: «Sto bene, non è successo niente»

Maradona, sospiro di sollievo: ricoverato e dimesso dopo poche ore
© foto www.imagephotoagency.it

Diego Armando Maradona è stato ricoverato a causa di un’emorragia allo stomaco e dimesso dalla clinica Olivos di Buenos Aires dopo poche ore

Diego Armando Maradona è stato ricoverato in un ospedale di Buenos Aires a seguito di un’emorragia allo stomaco. L’ex Pibe de Oro, irrintracciabile negli ultimi giorni, era atteso dalla sua squadra in Messico, i Dorados de Sinaloa, per l’inizio del campionato cadetto (domenica 6 gennaio). A rompere il silenzio, nelle ultime ore, era stato il suo legale, Matias Morla, che aveva comunicato la prosecuzione del rapporto tra il suo assistito e la squadra messicana di cui è allenatore per tutta la stagione a venire.

Poi, la notizia del ricovero di Maradona: come riportato da Olé, durante controlli medici di routine, all’ex calciatore è stata riscontrata un’emorragia allo stomaco che lo ha costretto a un’endoscopia. Dopo i dovuti controlli, l’allenatore argentino è stato dimesso dalla clinica Olivos di Buenos Aires, ma non sono esclusi nuovi accertamenti da effettuare nelle prossime ore.

Su Facebook il Pibe de Oro ha voluto rassicurare tutti sulle sue condizioni: «Voglio ringraziarvi per i messaggi di incoraggiamento. Mi dispiace che vi siate preoccupati senza motivo. Voglio dirvi che non è successo niente, che sto bene. Oggi mi prendo cura dei miei nipoti Benja, Dieguito Mattia, e di mio figlio Diego Fernando. Mando un bacio a tutti».