Mirante ricorda Astori: «Anche io ho sofferto di cuore, mi sono sentito indebolito»

mirante
© foto www.imagephotoagency.it

Antonio Mirante ha parlato dei suoi problemi passati al cuore con un inevitabile accostamento alla morte di Davide Astori

La morte di Davide Astori ha toccato da vicino Antonio Mirante. Il portiere del Bologna, ricordando l’ex compagno di Nazionale, è anche tornato sui problemi cardiaci avuti in passato: «C’è stato un senso di smarrimento e di impotenza dentro lo spogliatoio. Io ho conosciuto davide in Nazionale, questo episodio lo ha coinvolto nella nostra quotidianità, mi sono sentito indebolito – le parole rilasciate a Il Messaggero – A volte non mi capacito di come faccia la Fiorentina ad andare avanti».

Mirante ha poi ricordato i problemi di cui ha sofferto nel 2016: «Quando ebbi questi problemi mi venne lo sconforto di chi pensa di dover smettere di giocare. Ti cadono addosso mille pensieri, però ricordo bene una cosa: quando mio padre mi disse di dovermi ritenere fortunato, perchè a 32 anni anche se mi fossi fermato avevo giocato tantoi in Serie A. Da quel giorno ho cominciato a vedere le cose in maniera diversa, penso che ci sia altro oltre al calcio e ho capito le parole di mio padre».