Nainggolan, da imprescindibile a cedibile: la Roma lo scarica

Nainggolan, da imprescindibile a cedibile: la Roma lo scarica
© foto www.imagephotoagency.it

In 12 mesi è cambiato il mondo giallorosso di Radja Nainggolan

La scorsa stagione è stata una delle migliori della carriera di Nainggolan sia per rendimento che per apporto in fase realizzativa: 14 gol e 7 assist in 53 partite giocate. L’annata 2017/2018, invece, non è stata altrettanto positiva per il belga, autore di 6 reti ed 11 passaggi vincenti in 42 sfide disputate. Ma la causa del rendimento in fase discendente del forte centrocampista sta anche in questioni extra campo, come quanto accaduto nella notte di Capodanno o le continue voci sul suo addio. Tant’è che non è stato nemmeno inserito dai 23 calciatori che difenderanno i colori del Belgio in Russia.

La posizione del calciatore nel club giallorosso non è più così solida, come si legge sulle pagine de Il Tempo. La Lupa, adesso, lo considererebbe cedibile e va letta in tal senso la trattativa per portare Bryan Cristante in giallorosso. Un’operazione per abbassare l’età media della squadra e magari ricavare una bella plusvalenza dalla cessione del Ninja. Scelte societarie figlie anche della stessa volontà di Lorenzo Pellegrini di restare a Roma nonostante la corte ferrata della Juventus, disposta a pagare la clausola rescissoria pur di portarlo alla corte di Massimiliano Allegri. La Roma del futuro nasce senza Radja.