Napoli, dall’inferno al paradiso, passando per il purgatorio: affondato il sottomarino giallo

© foto www.imagephotoagency.it

Ecco la favola azzurra. Dall’inferno della C, al purgatorio della B e della A, fino al paradiso: gli ottavi di Champions. Con un’impresa dietro l’altra e qualche termine dantesco, il Napoli riscrive la storia del suo calcio. Una storia fatta di passione, amore per i colori e consapevolezza nei propri mezzi e che oggi scrive una pagina importante. Una perla di Inler e una rete di Hamsik, questa sera, affondano il sottomarino giallo e regalano una qualificazione storica ad una piazza calda. Una forza incredibile, per cui non basta nemmeno il regalo del Bayern, che ha preferito lasciar la vittoria al City. Questo Napoli, però, ha una marcia in più quanto ad orgoglio e forza e dopo 45 di paura e di timore, la ripresa si apre con un atteggiamento diverso. E quando 4 rimpalli in un’azione e una super parata su Lavezzi non bastano, ci pensa Inler dalla distanza ad aprire i conti di una serata ancora lunga. Lavezzi sciupa ancora, Cavani è poco lucido, ma Hamsik ha la freddezza di sbrigare la pratica e battere gli spagnoli, che continuano a soffrire. Al 93′ il fischio finale, per una vittoria meritatissima e una qualificazione che, affondando il sottomarino giallo, giunge con sudore e fatica. Perchè cosi, è anche più bello…