Chiellini: «Speravamo di fare qualcosa in più ma conta il risultato»

Chiellini: «Speravamo di fare qualcosa in più ma conta il risultato»
© foto www.imagephotoagency.it

Napoli-Juventus è terminata 1-1: ecco l’analisi nel post-partita di Giorgio Chiellini ai microfoni di Premium Sport

«Il risultato vale più della prestazione», il riassunto delle dichiarazioni di Giorgio Chiellini al termine di Napoli-Juventus, gara terminata 1-1. Juventus che esce indenne dal big match del San Paolo e mantiene le distanze in classifica dalla formazione di Maurizio Sarri, ecco l’analisi del centrale difensivo ai microfoni di Premium Sport: «Pareggio importante? Con tutto il rispetto per le squadre che sono dietro, noi facciamo un campionato su noi stessi, sui punti che dobbiamo fare per vincere. La Roma può arrivare a 92, noi dobbiamo fare un punto in più. Sapevamo l’importanza di questa partita e di fare punti, mancano 8 partite e siamo padroni del nostro destino. Non abbiamo fatto la partita più bella dell’anno, siamo obiettivi: dovevamo ripartire un pochino di più, ma non abbiamo concesso molto alla squadra con l’attacco che in casa è la migliore del campionato, molto temibile. Ora l’obiettivo è quello di passare il turno in Coppa Italia mercoledì. Credo che oggi abbiamo fatto una partita impressionante i cinque di centrocampo: con una squadra come il Napoli che pressa e imbuca, hanno fatto passare pochissimi. I meriti vanno soprattutto a loro. Bisogna anche essere obiettivi, potevamo fare qualcosa in più quando avevamo la palla ma ci mancava qualche giocatore importante, come Dybala. Abbiamo fatto una buona partita, il risultato vale più della prestazione. Higuain? E’ stata la partita più tranquilla degli ultimi 12 anni tra Napoli e Juventus: va fatto un plauso alle forze dell’ordine ed hai tifosi che hanno tifato e contestato con grande civiltà».

CHIELLINI A SKY SPORT – Le dichiarazioni di Chiellini a “Sky Sport“: «Se mi è capitato di avere un allenatore che dice di voler andare via come Spalletti? La Roma ha ancora la Coppa Italia martedì che è un crocevia importante ma la vicinanza e l’importanza delle partite di solito lascia cadere ogni pensiero. Troppo rinunciatari? Io mi diverto di più quando vinco, come non mi interessa. Siamo una squadra matura ed esperta e bisogna capire che non sempre si può fare quello che si vuole. Speravamo di fare qualcosina in più ma con il Napoli se esci troppo fuori ritmo loro sono bravissimi a infilzarti con la velocità dei loro attaccanti e con i loro centrocampisti di grande qualità. Io credo che oggi la cerniera di centrocampo abbia fatto un lavoro impressionante, hanno coperto traiettorie, si sono fatti il mazzo e se abbiamo pareggiato il merito è soprattutto loro. Qualche giocatore dopo la Nazionale non poteva essere al 100% ma la Juve ha dato grande prova di consapevolezza questa sera. Il Napoli ti mette in difficoltà mandandoti fuori giro nel mezzo e se osi troppo sono bravi a farti del male. Anche una squadra come il Real Madrid in fase di non possesso soffre con il Napoli. L’idea era quella di stare leggermente più alti e credo che a Torino in Coppa Italia li abbiamo affrontati meglio, soprattutto nel secondo tempo ma non è semplice non concedere il possesso palla al Napoli».