Nicolò Barella, ecco chi è il jolly di centrocampo conteso da mezza Europa

Nicolò Barella, ecco chi è il jolly di centrocampo conteso da mezza Europa
© foto www.imagephotoagency.it

Nicolò Barella, ecco la scheda tecnica che ne racconta le caratteristiche e il ruolo. E poi l’ingaggio e il valore Fifa 18, i profili social e la fidanzata, fino alla figlia nata da poco…

Nicolò Barella è legato a doppio filo alla città di Cagliari. Nel capoluogo sardo è nato il 7 febbraio 1997, nella società rossoblu è maturato lungo l’intera trafila delle giovanili. E con quella casacca ha fatto il proprio esordio tra i professionisti il 14 gennaio 2015, appena 17enne, quando da aggregato alla prima squadra è stato impiegato nella sfida di Coppa Italia contro il Parma. Medesima avversaria di fronte alla quale, il 4 maggio dello stesso anno, firma la prima presenza in Serie A. I rossoblù a fine campionato retrocedono e Barella nella stagione successiva scende in campo cinque volte, prima di disputare sei mesi in prestito al Como sempre in cadetteria. Rientra all’ovile nell’estate del 2016, con il Cagliari nuovamente in Serie A: complici alcuni infortuni a centrocampo Barella si ritaglia uno spazio importante, imponendosi via via per doti tecniche ed atletiche. Diventa così un perno della mediana rossoblù ed il 17 settembre 2017, nella sfida casalinga alla Spal, realizza anche la sua prima marcatura nella massima categoria italiana.

❤️? #Rebecca

A post shared by Nicoló Barella (@nicolo_barella) on

Nicolò Barella e la Nazionale: dall’Under15 alla chiamata di Ventura

Da sempre considerato uno dei talenti più cristallini della sua annata, Nicolò Barella ha vestito la maglia azzurra della Nazionale in tutte le selezioni dall’Under15 fino a quella maggiore. Con l’Under19 si è laureato vice-campione d’Europa nel 2016, con l’Under20 ha preso parte al Mondiale di categoria un anno più tardi. Il 2017 segna anche la prima convocazione in Under21 da parte del ct Gigi Di Biagio, cui segue quella “tra i grandi” di Ventura in occasione di una doppia sfida di qualificazione ai Mondiali di Russia 2018.

..e stasera Italia-Portogallo ?? #SiamoCarichi ?? #Stoccarda #Europei #Nike #Mercurial

A post shared by Nicoló Barella (@nicolo_barella) on

Caratteristiche tecniche e ruolo di Nicolò Barella

Nicolò Barella è un centrocampista di piede destro piuttosto completo, caratteristica che gli permette di occupare (quasi) qualunque ruolo tra mediana e trequarti. Spicca per dinamismo e doti atletiche, cui unisce comunque anche un’ottima visione di gioco e piedi discretamente educati. Per questa ragione il ruolo ideale è quello dell’interno in un centrocampo a tre, posizione che ne esalta la capacità di aggredire l’avversario e sradicare il pallone al portatore, ma all’occorrenza a Cagliari è già stato avanzato anche di qualche metro. Non per reinventarsi raffinato rifinitore, ma per sfruttare caratteristiche come il tiro in porta che gli hanno permesso nella prima stagione da titolare di segnare subito due reti in Serie A…

Il valore del cartellino e le clausole legate al cagliaritano

Nato calcisticamente nella Scuola Calcio Gigi Riva, Nicolò Barella fin da subito si è legato al Cagliari. In carriera, tanto a livello giovanile quanto di prima squadra, ha costantemente vestito la casacca rossoblù, con la sola eccezione di sei mesi trascorsi in prestito al Como in Serie B. A cavallo tra 2016 e 2017 ha vissuto una vera e propria esplosione, a tal punto che secondo i parametri di transfertmarkt.com il valore del suo cartellino in dodici mesi è cresciuto da 1,75 a 8 milioni di euro.

Nicolò Barella, contratto e stipendio

Aggregato alla rosa della prima squadra del Cagliari fin dal 2014, a testimonianza del precoce talento che da sempre lo contraddistingue, Nicolò Barella ha sottoscritto l’attuale contratto che lo lega ai rossoblù nel dicembre del 2016. L’accordo, che prevede un ingaggio annuo di 300mila euro, ha al momento scadenza al 30 giugno 2021.

Il procuratore di Barella è Beltrami

Il procuratore di Nicolò Barella è Alessandro Beltrami, agente particolarmente legato alla società Cagliari. All’interno della sua “scuderia” il manager vanta infatti appena due giocatori, ma il secondo è un ex di lusso dei rossoblù del calibro dell’attuale romanista Nainggolan.

Milan e Inter, Roma e Juve: tutti vogliono Nicolò Barella

Giovane, di talento e anche italiano, che per rinforzare il concetto di “scuola azzurra” all’interno di un club non fa mai male. Forte di queste peculiarità, Nicolò Barella a partire dalla stagione 2016/2017 che l’ha fatto scoprire al grande pubblico è diventato uno dei pezzi pregiati sul mercato della Serie A. A tal punto che quasi tutte le big del nostro campionato, tra l’estate e l’autunno del 2017, hanno fatto un sondaggio presso il Cagliari: subito il Milan e l’Inter, a rimorchio anche la Juve ed in terza battuta la Roma. Ma la concorrenza è numerosa anche all’estero, con in prima fila le corazzate della Premier League: Conte al Chelsea pare avergli già strizzato l’occhio…

Barella al fantacalcio: un possibile “colpaccio”

Talentuoso e, perché no, con il “vizietto” del gol. Ma anche molto giovane e con tutto da dimostrare, scenario che fa di Nicolò Barella un acquisto a prezzi modici al fantacalcio. Almeno per ora, in attesa di un’esplosione che in tanti sono pronti a dar per garantita. Il classe ’97 per alcuni aspetti può sembrare ancora troppo acerbo per imporsi in Serie A a suon di fantabonus, ma il futuro sembra essere saldamente nelle sue mani: e se fosse già questa la stagione della sua consacrazione? Nel dubbio, un piccolo investimento vale certamente la pena…

Infortunio Barella: un binomio finora poco frequente

Nel corso della stagione 2016/2017, la sua prima a tutti gli effetti nella rosa del Cagliari in Serie A, Nicolò Barella è stato costretto a due stop. Ma fortunatamente di poco conto. Nella sua ancora giovanissima carriera, infatti, il centrocampista sardo non ha subito infortuni ad arti o legamenti che ne abbiano minato il percorso di crescita. I due che si ricordano riguardano una frattura al polso ed un trauma al ginocchio, in entrambi i casi episodi smaltiti in un mese circa.

Il numero di maglia di Nicolò Barella

Nicolò Barella scende attualmente in campo con la maglia del Cagliari numero 18, “prenotata” fino dal 2014 e (quasi) unica casacca utilizzata in carriera. Le altre due cifre uscite sulla ruota del sardo sono infatti gli sporadici 35 (da aggregato alla prima squadra sarda nel 2013) e 33 (nei sei mesi trascorsi in prestito al Como).

  • Stagione 2013/2014 – Cagliari – 35
  • Stagione 2014/2015 – Cagliari – 18
  • Stagione 2015/2016 – Cagliari – 18
  • Stagione 2015/2016 – Como – 33
  • Stagione 2016/2017 – Cagliari – 18
  • Stagione 2017/2018 – Cagliari – 18

Nicolò Barella, la fidanzata e la loro figlia

Nicolò Barella, a dispetto della giovane età, è già diventato papà. Il 24 aprile 2017 è infatti nata la piccola Rebecca, frutto dell’amore tra il centrocampista cagliaritano e la stupenda Federica. Di sette anni più grande, la biondissima compagna del rossoblù è un’appassionata innanzitutto di motocross – sport che ha anche praticato -, ma da quando ha conosciuto il talento sardo si è appassionata anche al calcio. «Adesso sa anche che cosa è il fuorigioco», scherza lo stesso Barella parlando di lei…

❤️ #BusteDellaSpazzattura#TerribileSchievenin @fede_schievenin ??

A post shared by Nicoló Barella (@nicolo_barella) on

Nicolò Barella sui social: il profilo Instagram

Nicolò Barella non ha profili né TwitterFacebook, anche se su quest’ultima piattaforma la sua “fan page” più diffusa vanta migliaia di follower. Il centrocampista del Cagliari compensa, in ogni caso, con il profilo Instagram, costantemente aggiornato e ricco di immagini relative tanto alla propria vita privata quanto a quella che quotidianamente trascorre sul terreno di gioco.

❤️???

A post shared by Nicoló Barella (@nicolo_barella) on

Nicolò Barella fifa 18

Il valore complessivo di Nicolò Barella a Fifa 18 è di 70. Una statistica che tiene ovviamente conto della giovanissima età, ma che mette già in rilievo le doti atletiche (79) e tecniche (74 di dribbling, 70 di passaggi) del cagliaritano. Poco premianti, al contrario, i valori che rimandano alla fase difensiva (58) e soprattutto al tiro in porta (51).

barella