Psg-Juventus 2-3: pagelle e tabellino

© foto Massimo Pinca

Psg-Juventus, amichevole International Champions Cup 2017: termina 2-2 la sfida dell’Hard Rock Stadium. Gara frizzante tra la formazione di Allegri e quella di Emery: ecco pagelle e tabellino del match

Gol e spettacolo: termina 2-3 il test di prestigio tra Psg e Juventus, una gara che può far sorridere Massimiliano Allegri per il gioco espresso e per la condizione fisica della squadra. Passo in avanti e miglioramento netto per i bianconeri rispetto al ko contro il Barcellona di quattro giorni fa, con un Dybala in condizione super, Marchisio idem ed un Cuadrado che darà filo da torcere al neo arrivato Bernardeschi. Passo indietro, invece, per il gioiellino Bentancur. In casa PSG Di Maria lancia un segnale di mercato alla dirigenza: con il Fideo in rosa è necessario spendere oltre 200 milioni per Neymar?

Parte subito forte la Juventus: prima Dybala (4’) e poi Cuadrado (9’) provano a trovare la via del gol, senza fortuna. Risposta PSG al 18’ con Di Maria: il sinistro del Fideo dal limite termina fuori di poco. Ancora un ispirato Dybala ci prova al 30’ su punizione, Areola toglie la palla dal ‘sette’ con un balzo felino. Dopo un altro tentativo di Cuadrado, arriva la rete bianconera al 45’: triangolo Higuain-Dybala-Higuain e il Pipita davanti a Areola non sbaglia. Girandola di cambi nella ripresa ambo le parti e i francesi partono forte: all’8’ super giocata di Di Maria sulla sinistra, palla in mezzo per Guedes che da due passi non sbaglia. Dopo aver rischiato il sorpasso, i bianconeri si portano sull’1-2 al 17’: Kean serve Marchisio al limite, sinistro vincente del Principino. Assalto PSG nel finale: Pinsoglio, subentrato a Buffon, è miracoloso prima su Guedes (74’), poi su Lo Celso (76’). Nulla può però l’estremo difensore 3’ più tardi sul colpo di testa di Pastore, che da pochi passi firma il 2-2. Dopo qualche ripartenza pericolosa dei parigini, i bianconeri tornano in vantaggio: Kean guadagna un penalty, fallo di Kimpembe, e Marchisio non sbaglia. Ultimo brivido per la Juve nel finale con protagonista l’ex Dani Alves: il destro del brasiliano viene deviato in angolo dall’ottimo Pinsoglio.

Psg-Juventus 2-3: il tabellino

MARCATORI: pt 45′ Higuain; st 8′ Guedes, 17′ Marchisio, 35′ Pastore, 42′ Marchisio

PSG (4-3-3) – Areola 7 (16′ st Descamps 6); Meunier 6 (1′ st Dani Alves 6,5), Thiago Silva 6 (1′ st Marquinhos 5,5), Kimpembe 5,5, Yuri 5,5 (1′ st Kurzawa 6); Verratti 6,5 (1′ st Lo Celso 6,5), Thiago Motta 6,5 (1′ st Callegari 6), Matuidi 5,5 (1′ st Nkunku 6); Lucas Moura 6,5 (1′ st Guedes 7), Cavani 5,5 (1′ st Jesè 6,5), Di Maria 7,5 (16′ st Pastore 7). Allenatore: Unai Emery

JUVENTUS (4-2-3-1) – Buffon 6,5 (20′ st Pinsoglio 7); Lichtsteiner 6 (1′ st De Sciglio 6,5), Benatia 6,5 (1′ st Barzagli 5,5), Chiellini 7 (1′ st Mandragora 5,5), Alex Sandro 6,5 (1′ st Asamoah 6); Khedira (1′ st Rincon 6), Bentancur 5 (1′ st Marchisio 7,5); Cuadrado 7 (1′ st Sturaro 6,5), Dybala 7,5 (1′ st Pjanic 6), Mandzukic 6,5 (1′ st Caligara 6,5); Higuain 7 (1′ st Kean 7). Allenatore: Massimiliano Allegri

NOTE: ammoniti Bentancur, Verratti, Dani Alves

PSG – IL MIGLIORE

Di Maria 7,5: l’Inter è pronta a fare carte false per portarlo a Milano e come darle torto. Il Fideo è l’uomo in più di questo Paris Saint Germain, capace di illuminare l’azione e di fornire assist d’oro ai compagni. Protagonista nella prima frazione con due conclusioni pericolose, l’argentino nella ripresa regala una giocata da urlo ai tifosi presenti all’Hard Rock Stadium e offre a Goncalo Guedes un pallone solo da insaccare dopo aver saltato con facilità due difensori bianconeri.

PSG – IL PEGGIORE

Cavani 5,5: in ombra. L’attaccante uruguaiano non riesce a mettersi in mostra nonostante l’ottima assistenza di Lucas Moura e di Di Maria, finendo troppo spesso braccato dal tandem Benatia-Chiellini, con il numero 3 decisivo in almeno due occasioni in chiusura. Nulla di preoccupante per Emery, solo una serata no per il Matador…

JUVENTUS – IL MIGLIORE

Dybala 7,5: Cuadrado fa impazzire Yuri sulla destra e rischia di andare in rete in più occasioni, ma la Joya merita la palma di migliore in campo. Corre, lotta, crea e finalizza: calciatore totale. In occasione dello 0-1 di Higuain il suo assist è delizioso e in soli 45′ dimostra perchè il Barcellona è pronto a mettere sul piatto cifre folli per strapparlo alla Vecchia Signora. Da sottolineare anche la prova di altissimo livello di Marchisio nella ripresa: due reti e tanta sostanza per il numero 8.

JUVENTUS – IL PEGGIORE

Bentancur 5: dopo la prova confortante con il Barcellona, passo indietro per il talento uruguaiano. Schierato davanti alla difesa al fianco di Khedira, l’ex Boca Juniors non riesce a dettare i tempi di gioco e, soprattutto, non riesce ad arginare la qualità del duo Thiago Motta-Verratti, finendo spesso fuori posizione. Tecnicamente vale, non c’è dubbio, ma bisognerà valutare a livello tattico il suo utilizzo nel 4-2-3-1 da regista.