Connettiti con noi

News

Rebus Cristiano Ronaldo, il portoghese atteso lunedì alla Continassa

Pubblicato

su

Rebus Cristiano Ronaldo: il portoghese atteso lunedì alla Continassa. Le ultime sul futuro del giocatore della Juve

Si continua la preparazione in vista della nuova stagione calcistica. Tra i club sotto la lente di ingrandimento c’è sicuramente la Juventus, chiamata a riscattare la pessima stagione che ha portato al quarto posto in classifica dopo nove anni di dominio in Serie A. Ora sulla panchina siede Massimiliano Allegri, ritornato dopo due anni in quel di Torino. Il tecnico livornese alla Continassa ha iniziato la preparazione e pian piano si stanno aggiungendo i giocatori impegnati con le proprie nazionali. Ultimo, in ordine cronologico, ad aggregarsi è stato Wojciech Szczesny. I bianconeri si stanno allenando in vista del primo impegno in amichevole, sabato contro il Cesena alle ore 18, in diretta su Sky.

All’inizio della prossima settimana è, invece, atteso Cristiano Ronaldo che, secondo i programmi, dovrebbe sostenere le visite mediche lunedì per poi svolgere il primo allenamento con la squadra nella giornata di martedì. Possibile, dunque, la sua comparsa nell’amichevole di sabato 31 a Monza, contro i padroni di casa per il redivivo Trofeo Berlusconi. Gli azzurri campioni d’Europa e i reduci dalla Coppa America, Danilo e Cuadrado, sono invece attesi il 2 agosto. L’8 agosto, infine, è prevista la sfida al Camp Nou contro il Barcellona per il trofeo Gamper.

Proprio Cristiano Ronaldo è il nodo principale da sciogliere e che mette in apprensioni i tanti tifosi della Vecchia Signora. Il numero 7 portoghese in queste tre stagioni in bianconero è stato l’uomo in più che è riuscito a trascinare la Juventus fuori dai momenti buoi. Da quando è sbarcato a Torino nell’estate del 2018, ha segnato una marea di reti: 101 in 133 partite. Numeri folli per il giocatore che ha riscritto la storia e i record del calcio. Inoltre è riuscito a diventare il bomber della Serie A al suo terzo anno in bianconero. Nelle prime due annate è stato ostacolato prima da Quagliarella, con Ronaldo fermatosi a 21 reti. Sono state 31, invece, le reti nel 2019/20, ma Immobile fu super eguagliando il record di Higuain con 36 gol.

Il silenzio di Cristiano Ronaldo, segnale di addio?

Nelle prossime ore si saprà di più sul futuro di Ronaldo. Tutti sono con il fiato sospeso per cercare di capire qualcosa in più, ma c’è da dire che il portoghese non ha mai fatto accenno di voler lasciare Torino. Ecco perché ci sarebbero degli spiragli per poterlo vedere ancora in bianconero. Certamente un silenzio che fa sperare, ma che spaventa, anche perché la Vecchia Signora è quotata in borsa e le azioni Juventus potrebbero subire delle modifiche nel caso in cui ci fosse una dichiarazione da parte del lusitano.

CR7 ora si gode le vacanza e posta sui social il meritato relax dopo una stagione super, in termini di statistiche. L’ultimo post sui social di Ronaldo ha incuriosito tutti, parlando di “decision day”. Un messaggio criptico che non ha avuto nessuna conseguenza tangibile. Nessuna comunicazione ufficiale, né legata ad un suo addio, né per confermare la sua permanenza a Torino, sponda bianconera. La Vecchia Signora ha ribadito, più volte, di essere certa di poter contare su CR7 anche sulla prossima stagione, tanto che lo attende in ritiro a partire dal prossimo 26 luglio. Max Allegri si augura che, lunedì prossimo, il mistero sia risolto e che possa finalmente capire se dovrà studiare una Juventus con la presenza in campo di Cristiano Ronaldo o no. Con Paulo Dybala fermo ai box e tanti nazionali ancora in vacanza, l’attesa circa l’arrivo o meno di CR7 è il tema più caldo in casa bianconera. In realtà, tutto il mondo vuole sapere che ha intenzione di fare il fuoriclasse portoghese. Il 26 luglio parte del mistero sarà risolto.

Cristiano Ronaldo ha un contratto in scadenza il prossimo 30 giugno 2022, anche se molte notizie danno di un possibile rinnovo, in modo da spalmare il pesante ingaggio in due anni. Questa è una delle tante notizie sul futuro del lusitano. Ormai ogni giorno siamo bombardati di notizie contrastanti che non fanno altro che alimentare dubbi su di lui. In ogni caso, se ci sarò l’addio di Ronaldo, la Juventus pensa a quale possa essere il suo sostituto. Una notizia vede coinvolti Real e Bale. La squadra spagnola, secondo fonti spagnole, starebbero trattando la rescissione di Gareth Bale. L’esterno gallese non rientra nei piani di Ancelotti ed è in scadenza tra meno di un anno. Con Ronaldo che può dire addio, l’opzione che porta all’ex Tottenham rischia di diventare una pista concreta per la Vecchia Signora.

Non solo Bale, perché tra i tanti nomi presenti sul taccuino della dirigenza bianconera, c’è anche quello di Gabriel Jesus, attaccante brasiliano classe 1997 attualmente in forza al Manchester City. Infatti, secondo quanto riportato da Calciomercato.it, in caso di partenza di Cristiano Ronaldo si virerebbe subito su Gabriel Jesus, preferito a Mauro Icardi. La trattativa potrebbe essere imbastita alla Chiesa, e il City cederebbe senza troppo remore.

Futuro di CR7 dipende da Mbappé?

Kylian Mbappé tra poche ore tornerà ad allenarsi con i compagni prima del vertice con i dirigenti del Paris Saint-Germain. L’attaccante francese, che ha il contratto in scadenza nel giugno 2022, ha già fatto sapere di non voler restare a Parigi e spinge per essere venduto con la speranza che la dirigenza lo accontenti per evitare di perderlo a parametro zero tra un anno. Mbappé ha già un accordo con il Real Madrid e si augura di potere al più presto arrivare alla corte di Ancelotti. I parigini, in previsione di una possibile partenza del loro giovane gioiello, stanno sondando sempre di più il terreno con la Juve per Cristiano Ronaldo.

Nell’ambito di un super mercato, che potrebbe portare a Parigi anche Pogba, il Psg, anche se vorrebbe tenersi Mbappé, è anche consapevole del fatto che prima o poi sarà costretto a ottenere almeno 150 milioni dal mercato in uscita per non incorrere nelle sanzioni legate al Fair Play Finanziario. L’unica soluzione sembra proprio essere quella della partenza per Madrid del giovane attaccante, per poi provare a portare in Francia Cr7 usando Mauro Icardi come pedina di scambio con la Juventus.