Connettiti con noi

Hanno Detto

Sassuolo, Dionisi: «Vittoria meritata con la Lazio. Ma vogliamo di più»

Pubblicato

su

Ascolta la versione audio dell'articolo

Alessio Dionisi, allenatore del Sassuolo, ha parlato al termine del match vinto contro la Lazio: le sue dichiarazioni

Alessio Dionisi, allenatore del Sassuolo, ha parlato al termine del match vinto contro la Lazio. Le sue dichiarazioni ai microfoni di DAZN.

VITTORIA – «Questa è una vittoria importante, oggi meritavamo di vincere. Abbiamo messo tanta qualità in campo, concedendo poco. Nonostante lo svantaggio siamo rimasti in partita, il risultato è giusto. Sapevamo di avere davanti una squadra forte, ma dovevamo giocarcela a viso aperto. Oggi tra le due squadre chi voleva vincere di più eravamo noi».

GIOVANI – «Ci vuole tempo. Capisco che ce ne sia poco, ma la società ha pazienza e io ancora di più perché so il margine di miglioramento. Bisogna accompagnarli negli errori, è troppo facile esaltarli quando fanno bene. Ad oggi, però, possiamo ancora migliorare tanto nella prestazione e nelle letture oltre che nelle partite sulla carta più semplici. Ma oggi ci godiamo questa prestazione».

OBIETTIVI – «C’è differenza tra far bene e dare continuità. Lo stiamo dimostrando, ad oggi non stiamo riuscendo a dare continuità di risultati, a volte sembra che ci accontentiamo della prestazione e non basta perché dobbiamo trovare il risultato. Sicuramente dobbiamo migliorare, ad oggi questo step non lo abbiamo fatto. E’ normale che la società faccia dei ricambi, bisogna provare a fare questo step per quello che di buono abbiamo, dobbiamo dimostrare di voler di più di quello che possiamo ottenere in ogni partita».

MERCATO – «Non mi soffermerei su questo, le valutazioni si fanno con i dirigenti. I giovani vanno supportati e capiti, per qualcuno viene prima la fama dei successi, spesso non meritano i titoli che ricevono. Noi dobbiamo aiutarli e spronarli, l’importante è che rimangano con i piedi per terra. La differenza, però, la fanno loro, noi possiamo solo supportarli».