Scintille Gravina-Casini su supercoppa e Mondiale - Calcio News 24
Connettiti con noi

Azzurri

Scintille Gravina-Casini su supercoppa e Mondiale

Pubblicato

su

Gabriele Gravina

Il commento di Gravina e la replica di Casini sulla Supercoppa: «Spiace giocarla in Arabia» «Spiace non aver visto l’Italia ai mondiali»

Intervenuto a margine della presentazione delle nuove maglie della nazionale, il presidente della FIGC Gravina ha commentato la decisione di giocare la Supercoppa a Ryad. Parole le sue che non sono piaciute al Presidente della Serie A Casini, che ha risposto con una dichiarazione all’Ansa.

IL COMMENTO DI GRAVINA – «La Supercoppa? Sarebbe ideale giocarla all’Olimpico o a San Siro. Il calcio deve avere la capacità di trovare delle risorse alternative a queste modalità. Sradicare un evento sportivo mi rattrista. Capisco che c’è un momento di tensione finanziaria che porta a rincorrere obiettivi da ottenere. L’auspicio è di trovare un momento di equilibrio economico-finanziario che ci renda sereni e tranquilli, per coltivare il calcio nel nostro territorio».

LA REPLICA DI CASINI«Rattrista non aver visto l’Italia ai mondiali in Qatar. Faccio fatica a capire: qual è la novità? Su 35 edizioni, inclusa questa, per 12 volte la Supercoppa italiana si è giocata all’estero. Si è iniziato nel 1993 negli Usa; negli anni si è andati in Libia, Cina, ancora Usa, Qatar e dal 2018 in Arabia Saudita. Esportare i propri eventi all’estero è una scelta fatta anche dalla Liga e, in altri sport, dall’Nba, per promuovere nel mondo la propria eccellenza. Non trovo nulla di triste in questo; siamo anzi molto soddisfatti dell’entusiasmo con cui le squadre sono sempre accolte all’estero e sono perciò molto sorpreso da alcuni commenti che ho letto. Rattrista invece questo sì, non aver visto l’Italia ai Mondiali. E siamo tutti dispiaciuti che la Federazione oggi non sia qui a Riad con noi, il giorno in cui viene assegnato il primo trofeo calcistico della stagione. Ringrazio il presidente Matarrese, membro onorario della Figc, per essere venuto. Spero vivamente che i prossimi giorni siano dedicati davvero a riformare il calcio italiano. La Serie A ha lavorato sodo in questi mesi, abbiamo il nostro pacchetto di proposte condivise anche con la Serie B e ci aspettiamo molto»