Sebastiani: «Con Zeman inizia un nuovo Pescara. Ringrazio Oddo per quello che ha fatto»

zeman convocati pescara - udinese
© foto www.imagephotoagency.it

Sebastiani – Zeman, torna la coppia allenatore – presidente che ha regalato gioie al Pescara. Le parole del patron pescarese dopo l’esordio con pokerissimo

Sebastiani: «Ringrazio Oddo per tutto quello che ha fatto» – 20 febbraio, ore 18,15

Il presidente Sebastiani è intervenuto ai microfoni di Radio 24 commentando così l’avvicendamento sulla panchina del Pescara: «Non è che il nuovo mister in un giorno abbia cambiato chissà cosa, forse i giocatori si sono un pò liberati da quel blocco che avevano. Oddo ha fatto un buon lavoro fin dal primo giorno in cui ha preso la squadra in mano due anni fa, non dimentichiamoci le due finali play-off di cui la seconda vinta. Poi ha alanciato tanti giovani, lo ringrazio per tutto quello che ha fatto e non rimpiangio nulla, gli auguro di fare il meglio perchè ha la stoffa».

Sebastiani – Zeman, torna la coppia allenatore – presidente che ha regalato gioie al Pescara

Daniele Sebastiani ha richiamato Zdenek Zeman in panchina a Pescara e l’esordio col Genoa è stato un successo. Lo stesso Sebastiani ha dichiarato: «Questo è l’anno dei record. Zeman? Quando si arriva a un certo punto nella testa dei giocatori scatta qualcosa di diverso. Non è che con due giorni di lavoro si cambi qualcosa, ha dato qualcosa sul campo ma soprattutto ha liberato la testa dei giocatori. Non siamo una squadra da primi posti ma non meritiamo questa classifica. Abbiamo fatto molto bene sul campo. Le squadre che giocano contro gli allenatori sono luoghi comuni a cui non credo. Abbiamo una squadra giovane, abbiamo giocatori importanti che se fanno male in campo allora ne risentono per il loro futuro». A Radio Anch’Io Sport Sebastiani ha aggiunto: «Lapadula ha un suo percorso da fare e sono convinto che lo farà anche bene, non credo che possa tornare da noi. Io voglio rispettare il campionato, abbiamo la speranza di salvarci fino a quando la matematica non ci condanna. La Serie A è divisa in tronconi ma se non si cambia il sistema di ripartizione non si limitano i danni. Noi ci crediamo, abbiamo iniziato un campionato nuovo con un allenatore nuovo e con i giocatori recuperati dagli infortuni. Ci giocheremo le partite e poi vedremo. Io ho creato questo Pescara e lo lascerò a chi è meglio di me, non ho nulla a che fare con certi teppisti e non mi piego ai loro tifosi. Preferisco farmi da parte che scendere a patti col diavolo, ma non identifichiamo Pescara con quattro personaggi…».