Come vedere Serbia-Svizzera in streaming e in diretta tv

Serbia-Svizzera, seconda giornata girone E Mondiali Russia 2018: le info per vedere la partita in diretta ed in streaming, probabili formazioni, precedenti, info e curiosità

Serbia-Svizzera è la partita valida come seconda giornata del gruppo E dei Mondiali di Russia 2018: la gara – preceduta di poche ore da Brasile-Costa Rica, nel pomeriggio – è prevista per le 20 (ora italiana) presso l’Arena Baltika di Kaliningrad, città situata tra Polonia e Lituania che fa da accesso al Mar Baltico. La formazione di Mladen Krstajic, reduce dalla buona vittoria alla prima giornata contro la Costa Rica per 1 a 0 – domenica scorsa – grazie al gol del romanista Aleksandar Kolarov, ha l’opportunità di chiudere i conti in vista del difficile match col Brasile. Dall’altra parte invece la sorprendente formazione elvetica guidata dall’ex laziale Vladimir Petkovic, capace di fermare alla partita inaugurale lo stra-favorito undici verdeoro col punteggio di 1 a 1 (gol di Steven Zuber in risposta a Philippe Coutinho): per la Svizzera portare a casa i tre punti significherebbe mettere al riparo la qualificazione dopo aver sfidato le due avversarie più forti del raggruppamento.

Serbia-Svizzera verrà trasmessa a partire dalle ore 20 in diretta in chiaro sulle frequenze di Italia 1 (anche in HD al canale 506 del digitale terrestre) e su quelle di Mediaset Extra (canale 34 del digitale terrestre, 534 in HD) con il commento irriverente della Gialappa’s Band, ma non solo. La gara potrà essere infatti seguita anche in streaming per pc, smartphone e tablet su tutti i device iOs, Android e Windows Mobile direttamente dal sito di Mediaset ed in radio sulle frequenze di Radio 1. Ricordiamo inoltre che la partita sarà disponibile in diretta testuale live sul nostro sito con ampio pre-partita, quindi sintesi, pagelle ed approfondimenti alla fine.

 CLICCA QUI PER LA DIRETTA DI SERBIA-SVIZZERA 


Serbia-Svizzera: probabili formazioni

QUI SERBIA – Nessun cambiamento atteso nella formazione di Krstajic, che dovrebbe confermare gli stessi uomini – e lo stesso modulo, l’offensivo 4-2-3-1 – che ha fruttato i tre punti contro la Costa Rica. Kolarov, autore della bellissima punizione che ha portato la vittoria ai serbi domenica scorsa, è confermato dunque sulla corsia sinistra, mentre dall’altra parte ci sarà ancora Branislav Ivanovic. In mediana spazio al duo composto da Nemanja Matic e dallo spilungone della Fiorentina Nikola Milenkovic, mentre dietro all’unica punta Aleksandar Mitrovic, alla ricerca della prima realizzazione in questo Mondiale, è praticamente inamovibile la stella della Lazio Sergej Milinkovic-Savic. Ai lati Dusan Tadic e, soprattutto, il torinista Adem Ljajic, a cui verrà concessa una nuova opportunità da titolare nonostante l’incolore prova di qualche giorno fa.

QUI SVIZZERA – Anche Petkovic dovrebbe confermare lo stesso undici già visto in campo col Brasile nello speculare 4-2-3-1 che però ha saputo anche incassare bene domenica sera. In avanti allora nuova chance per l’ex Fiorentina Haris Seferovic, che pure non ha brillato tantissimo nell’esordio del Mondiale, supportato alle spalle dal bolognese Blerim Dzemaili nella posizione – un po’ insolita per come siamo abituati a vederlo in Serie A – di trequartista quasi puro. Sulle fasce ancora chance per l’ex interista Xherdan Shaqiri, reduce tutto sommato da una buona prova coi brasiliani, e soprattutto per Zuber, autore del gol che è valso un preziosissimo pareggio con la Seleçao. Nessuna novità pronosticabile anche nel reparto arretrato, col duo “italiano” composto sulle corsie da Stephan Lichtsteiner (fresco di addio alla Juventus per l’Arsenal) e dal milanista Ricardo Rodriguez.

PROBABILE FORMAZIONE SERBIA (4-2-3-1) – Stojkovic; Ivanovic, Milenkovic, Tosic, Kolarov; Matic, Milenkovic; Tadic, Milinkovic-Savic, Ljajic; Mitrovic. Allenatore: Krstajic
PROBABILE FORMAZIONE SVIZZERA (4-2-3-1) – Sommer; Lichtsteiner, Schar, Akanji, Ricardo Rodriguez; Xhaka, Behrami; Shaqiri, Dzemaili, Zuber; Seferovic. Allenatore: Petkovic

shaqiri svizzera mondiali 2018


Serbia-Svizzera: statistiche e curiosità

  • Primo confronto in assoluto tra Svizzera e Serbia (come Stato indipendente). Considerando invece i confronti tra Svizzera e Jugoslavia sono tredici i precedenti: sei vittorie per i balcanici, cinque pareggi e due vittorie elvetiche
  • Dei tredici precedenti tra Svizzera e Jugoslavia, uno solo è stato ai Mondiali: 3 a 0 balcanico nel 1950
  • La Svizzera ha perso solo una delle ultime quattro sfide giocate al Mondiale contro avversarie europee, si è trattato proprio dell’ultimo precedente in questo senso: 2 a 5 contro la Francia nel 2014
  • La Serbia (o Jugoslavia), che ha vinto la prima contro la Costa Rica ai gironi, si è qualificata in tre precedenti su quattro portando a casa i tre punti nella partita inaugurale: 1930, 1954, 1998. L’impresa non è riuscita solo nel 1950, quando appunto sfidò la Svizzera (ma non alla prima)
  • Tenendo conto degli ultimi ventitre incontri disputati tra tutte le competizioni, la Svizzera ne ha perso uno solo: contro il Portogallo 2 a 0 nella qualificazioni Mondiali a ottobre 2017. Per il resto sedici vittorie e sei pareggi
  • Ivanovic contro la Costa ha stabilito il nuovo record di presenze con la nazionale serba: centoquattro. Superato l’ex interista Dejan Stankovic, fermo a centotre
  • Lo svizzero Zuber, quando ha giocato titolare, è stato decisivo in occasioni da gol nelle ultime sei partite giocate con quattro gol e due assist
  • Mitrovic ha segnato quattordici gol nelle ultime diciassette partite giocate con la Serbia, con la Costa Rica però ha tirato in porta dieci volte senza trovare mai la rete
  • Lichtsteiner conta di raggiungere il record di presenze con la Svizzera ai Mondiali: giocando con la Serbia andrebbe a quota otto eguagliando Charles Antenen
  • Valon Behrami col Brasile ha eguagliato un nuovo primato: è il primo giocatore della Svizzera a scendere in campo almeno una volta in quattro edizioni diverse dei Mondiali (2006, 2010, 2014 e 2018)

Serbia-Svizzera: l’arbitro del match

L’arbitro di Serbia-Svizzera sarà il 42enne tedesco Felix Brych, tra i direttore di gara più esperti di questo Mondiale, alla prima in Russia. Brych è alla seconda Coppa del Mondo dopo l’esordio in Brasile nel 2014 (arbitrò solo nella fase a gironi due partite, Uruguay-Costa Rica 1 a 3 e Belgio-Russia 1 a 0). Già due precedenti con la nazionale serba: nel girone di qualificazione agli scorsi Mondiali (Serbia-Croazia 1 a 1) e nel 2012 in amichevole con la Svezia (vittoria scandinava per 2 a 1). Due i precedenti anche con la Svizzera: a novembre, al ritorno dei playoff di qualificazione in Russia (0 a 0 dopo l’1 a 0 dell’andata per gli elvetici), in amichevole contro l’Inghilterra nel 2008 (vittoria inglese 2 a 1). Nell’ultima edizione della Champions League Brych ha diretto la semifinale di andata tra Liverpool e Roma (5 a 2), ma pure Juventus-Tottenham agli ottavi (2 a 2) e Napoli-Manchester City nella fase a gironi (2 a 4).


Leggi anche: MONDIALI RUSSIA 2018: IL TABELLONE COMPLETO

Leggi anche: MONDIALI 2018: PROBABILI FORMAZIONI PRIMO TURNO