Connettiti con noi

News

Serie A, l’Inter salta un turno, Milan a Firenze in emergenza, Gasp sfida Juric e la superclassica Napoli Roma

Pubblicato

su

Con l’Inter in fuga per lo scudetto e bloccata dall’Ats di Milano, la 28.a giornata di Serie A sarà infuocata dalle sfide per la lotta a un piazzamento in Champions League.

Il Milan, primo inseguitore dei nerazzurri, sarà di scena al Franchi di Firenze dopo le fatiche europee, in piena emergenza infortuni e puntando sulla cabala che lo vede vincitore contro la Fiorentina nel 50% degli ultimi 10 incroci nel massimo campionato. Sarà una sfida più equilibrata di quanto racconta la classifica tra la Fiorentina, più efficiente dal punto di vista tecnico (+1%) trascinata da Vlahovic e Ribery con valori a livello europeo (IET > 95%) e il Milan più performante a livello atletico (+2.5%) con Hernandez (IEF 95%) e Tomori (94%) su tutti. Nonostante la sconfitta interna contro il Napoli, i numeri dicono che i rossoneri di Pioli sono tutt’altro che spenti avendo creato 26 occasioni 1vs1 – a dispetto delle 11 dei viola nell’ultimo turno – disputandone 18 e vincendone 12 (vs 2 della Fiorentina), con ben 20 passaggi ad alta difficoltà (vs 9 dei viola) di cui 9 riusciti (vs 5). La squadra di Pioli dovrà trovare il gol, essendo stato sconfitto nelle ultime quattro occasioni in cui non ci è riuscito, e approfittare dell’incapacità della Fiorentina, reduce dal successo di Benevento, di infilare due vittorie di fila in campionato fino a questo momento. L’ultimo turno di campionato, gli infortuni in attacco e la squalifica di Rebic oltre all’impegno europeo, stanno rendendo molto stressante il periodo dal punto di vista fisico ai rossoneri di Pioli che contro il Napoli hanno sì percorso la stessa distanza della Fiorentina (112 km), ma con il 12% in più di alta intensità e il 22% di sprint in più. L’uomo partita potrebbe essere Hakan Calhanoglu che ha nel Franchi, escludendo il Meazza, lo stadio in cui ha segnato di più in Serie A (due gol in tre partite).

Chi spera in un passo falso del Milan per avvicinare la vetta e accendere ulteriormente la corsa ai primi posti è l’Atalanta, reduce dall’eliminazione in Champions League in casa del Real Madrid. L’impegno di Valdebebas ha sicuramente sottratto energie ai bergamaschi che però anche contro il Verona di Juric, allievo di Gasperini, punteranno sulla propria efficienza fisica (IEF 94%, valore mediamente più alto in questa Serie A). A Madrid l’impegno è stato soprattutto anaerobico con 1027 strappi accelerativi e 1249 frenate brusche che ne disegnano l’eccezionalità della prestazione, oltre ai più normali 110 km percorsi di cui 25 km ad alta intensità. Gasperini troverà un Verona arrabbiato, reduce da due sconfitte consecutive in campionato e determinato ad evitare la terza di fila che manca dal maggio 2018, ma soprattutto una squadra che con Juric ha imparato a dosare le energie in campo. Con un potenziale del 92% di Efficienza Tecnica, i gialloblù nell’ultimo turno hanno percorso solo 107 km con il solo Barak ad aver superato i 3 km nella corsa ad alta velocità. Una sfida che vedrà l’Atalanta cercare di evitare il secondo ko esterno di fila in campionato come non accade dal novembre 2017, facendo presumibilmente la partita con i 30 passaggi ad alta difficoltà effettuati contro i 13 dell’Hellas, soprattutto con una percentuale di riuscita del 63% tra le migliori del campionato, lasciando al Verona il confronto uomo a uomo per cercare le condizioni ottimali per innescare il talento di Zaccagni, uno dei migliori del campionato nei duelli a terra (1v1 vinti superiori al 50%). Per tornare al successo anche l’Atalanta avrà bisogno dei suoi talenti, a partire da quello di Josip Ilicic che al Bentegodi contro il Verona ha realizzato la sua prima tripletta in Serie A nel marzo 2018.

Il match più stuzzicante però è quello che andrà in scena al Diego Armando Maradona tra Napoli e Roma, nonostante le polemiche di calendario degli ultimi giorni. Uno spareggio per il quarto posto tra due squadre che, con rose al completo, praticamente si equivalgono con un potenziale da Top Serie A: Efficienza Tecnica al 92%, Efficienza Fisica al 93% e Efficienza Tattica al 93%. Il Napoli, reduce dal successo di San Siro e senza le fatiche europee, è in un buon momento contro la Roma, avendo vinto cinque delle ultime otto sfide in campionato, comprese le ultime due. E’ dal 1976 però che gli azzurri non raccolgono tre successi di fila contro i giallorossi, ma per farlo punterà ancora sulla forma di Matteo Politano, giocatore cresciuto nella Roma e che il primo gol in Serie A lo ha realizzato proprio all’Olimpico quando vestiva la maglia del Sassuolo. La squadra di Fonseca generalmente produce più duelli del Napoli (25 occasioni 1vs1 contro le 14 degli azzurri), ma la squadra di Gattuso è più efficace (36% di successo contro il 20% dei giallorossi). Sul piano della costruzione di gioco le due formazioni si equivalgono, entrambe sopra i 20 passaggi ad alta difficoltà in media a partita con un’efficienza migliore per il Napoli (61%) a dispetto del 57% della Roma. La differenza potrebbe farla la condizione fisica delle due squadre. La squadra è in un momento particolarmente performante dal punto di vista atletico come dimostrato dall’ultimo turno con più distanza coperta (+5%) e più azioni ad alta intensità (+15%) rispetto alla formazione di Fonseca che ha perso quattro delle ultime 10 partite di campionato, raccogliendo tante sconfitte quante nelle precedenti 26 apparizioni, e non può più sbagliare.

Advertisement