Sicilia, pronta la nazionale per sfidare il mondo

Balotelli Nizza
© foto www.imagephotoagency.it

Sembra uno scherzo, ma è il sogno dei “Siciliani Liberi”: una nazionale autoctona che possa giocarsela contro il resto del pianeta

A dirla così, sembra una provocazione o l’ennesimo tentativo di accostarsi a una tradizione inimitabile come quella dell’Atheltic Bilbao. E invece è tutto vero, almeno nelle intenzioni: è notizia recente la proposta del movimento “Siciliani liberi”, inserito nel quadro delle elezioni regionali in Sicilia e che sostiene il candidato alla presidenza della regione, Roberto La Rosa, uno dei cinque ancora rimasti nella corsa a governatore. Come riportato da “Palermo Today”, La Rosa avrebbe avuto l’idea di istituire campionati siciliani in tutti gli sport con la creazione di selezioni “nazionali”, complementari rispetto ai tradizionali tornei italiani.

AUTOCTONI – In fondo, anche in altri sport oltre al calcio, gli indipendentisti pensano di creare una “nazionale” siciliana per giocare partite amichevoli con nazionali estere: sarebbe addirittura già pronta la maglia – che riporterebbe i colori giallo e rosso, quelli della bandiera siciliana che vede al centro la Trinacria e sul petto lo stemma dell’aquila che simboleggia la Regione siciliana. La spiegazione ultima l’ha fornita Massimo Costa, il fondatore di questo movimento autoctono: «Tutto questo servirà a cementare il senso di appartenenza alla comunità siciliana e con essa il loro senso civico». La formazione tipo vedrebbe in campo persino Balotelli e diversi giocatori professionisti, come Ragusa.