Connettiti con noi

Calcio italiano

Conferenza stampa Tudor: «Con il Torino si può sbagliare poco, ho fiducia nei miei giocatori» – VIDEO

Pubblicato

su

Ascolta la versione audio dell'articolo

La conferenza stampa di Igor Tudor dell’Hellas Verona in vista della sfida di domani contro il Torino

Igor Tudor in conferenza stampa ha presentato la sfida di domani contro il Torino. Le parole del tecnico dell’Hellas Verona:

JURIC – «Non è il momento di parlare delle differenze tra me e lui, l’amicizia è una cosa e il lavoro un’altra. Domani vogliamo fare una gara seria, con meno errori possibili. Sarà una partita importante e difficile, vediamo chi ne uscirà meglio».

BARAK – «Non dico niente della squadra, decideremo oggi. Giocherà chi è pronto ad andare in battaglia».

MIGLIORAMENTI – «Se vede tutte le partite dell’Atalanta, raramente si è vista una squadra che meritasse lo stesso rispetto a loro. Rivedendo la partita penso fosse 55-45 per noi, abbiamo fatto una grande partita ma a volte basta un tiro o una deviazione nel calcio. Spero però di ripetere la stessa gara».

LASAGNA – «Sta veramente da Dio, è un giocatore per noi importante. Sono contento stia così».

GARA VANTAGGIOSA – «Non la vedo così, il Torino è una squadra tosta e difficile da affrontare. C’è da lottare per ogni metro, per ogni seconda palla. E conterà non sbagliare nulla».

CANCELLIERI – «È in crescita, anche mentale. Ha doti interessanti, poi quelli che ha davanti stanno facendo bene. Dico che dipende dai giocatori, raramente un allenatore se pensa che uno merita non lo fa giocare. Si può sbagliare, ma sicuramente non al 90%».

COPPOLA – «Diego ha fatto bene. Si è allenato poco con noi ma mi è piaciuto tanto e rimarrà in prima squadra ancora a lungo. Lo reputo un giocatore interessante».

CALENDARIO ASIMMETRICO – «Non lo so, penso cambi poco alla fine. Nel calcio conta quando becchi una squadra, ma non dipende dal calendario».

DISPENDIO DI ENERGIE FISICHE – «Sì, anche dal punto di vista mentale. Non credo sarà un problema, in Coppa abbiamo usato la varietà della nostra rosa».

TREQUARTISTI TORINO – «Loro hanno i loro giocatori, noi i nostri. Poi penso che i miei siano più forti. Ho una grandissima stima dei miei giocatori, ma come è giusto ce l’abbia anche Juric dei suoi. Alla fine la qualità dei singoli decide la partita, noi allenatori possiamo solamente indirizzarli. Io ho grande stima per i miei giocatori, spero che domani la decidano loro. Parlo anche dei difensori, che stanno facendo un’ottima stagione».

Advertisement

Facebook

Advertisement