Un super Bernardeschi non è sufficiente alla Fiorentina

© foto www.imagephotoagency.it

Suchy ed Elneny agganciano i viola dopo l’espulsione di Roncaglia

 

Pareggio amaro per la Fiorentina che viene fermata dalla grinta del Basilea. Una grande prestazione di Bernardeschi, autore di una doppietta, non basta a Paolo Sousa per qualificarsi aritmeticamente ai sedicesimi di finale, condannato dall’ingenua espulsione di Roncaglia. 

PRIMO TEMPO – La squadra di Paolo Sousa scende in campo estremamente determinata e aggressiva sfruttando la velocità di Ilicic e Bernardeschi. Proprio lo slovacco dopo soli due minuti da fischio d’inizio si rende pericoloso con una buona azione all’interno dell’area di rigore fermato però da Elneny che si aiuta con una mano, ma i giudici di gara negano un plateale calcio di rigore alla Fiorentina. Al 6′ Bernardeschi prova ad impensierire Vailati con una buoma conclusione da posizione defilata, ma l’estremo difensore non si lascia sorprendere. Al 23′ Borja Valero trova prorpio Bernardeschi con uno stupendo filtrante che porta in vantaggio gli ospiti con un tocco a scavalcare il portiere avversario. Follia di Roncaglia al 26′ che lascia i suoi compagni inferiorità numerica a causa di una brutta gomitata ai danni del camerunense Embolo. Il Basilea prova ad approfittare della superiorità numerica e cerca il pareggio con una sassata dalla distanza di Bjarnason, ma la conclusione si spegne di poco a lato. Al 36′ nel migliore momento dei padroni di casa la Fiorentina trova il raddoppio con una conclusione da distanza ravvicinata del giovane Bernardeschi, da sottolineare la splendida azione di Kalinic capace di regalare un assist perfetto al compagno di squadra. Al 40′ gli svizzeri accorciano le distanze con il tap-in vincente del capitano Suchy dopo la splendida respinta di Sepe sul colpo di testa di Embolo.

 

SECONDO TEMPO – La Fiorentina deve fare attenzione all’inferiorità numerica, ma è proprio la squadra toscana a rendersi pericolosa al 5′ con un buon calcio piazzato di Marcos Alonso che non trova per pochi metri lo specchio della porta. Il Basilea cerca di portare avanti il baricentro andando alla conclusione al 65′ con il nuovo entrato Callà, ma il tiro è troppo impreciso per poter impensierire Sepe. Il Basilea insiste e la Fiorentina non sembra riuscire a gestire la gare nel migliore dei modi e al 73′ un pallone vagante al limite dell’area di rigore viene sfruttato da Elneny, capace di trovare l’angolino lontano con una fucilata di potenza. La partita è molto combattuta in mezzo al campo dove la fisicità dei mediani diventa la protagonista di questo finale di gara. L’ingresso di Babacar e di Gilberto dimostra la voglia di vincerte di Paolo Sousa, ma il triplice fischio finale sancisce un’amaro pareggio per la Fiorentina. 

 

 

OCCASIONE SPRECATA – La Fiorentina spreca una grande occasione per potersi aggiudicare con un turno d’anticipo la qualificazione ai sedicesimi di finale d’Europa League e la possibilità di potersi dedicare totalmente al campionata dove è impegnata nella ricorsa scudetto. Le note positive arrivano dalle continue grandi prestazione di Borja Valero e dalla crescita esponenziale di Federico Bernardeschi, capace anche stasera di incantare i tifosi presenti suglia spalti. 

TABELLINO – FIORENTINA 2-2 BASILEA

 

BASILEA (4-3-2-1): Vailati; Xhaka, Lang, Suchy, Safari; Bjarnason (87′ Kuzmanovic), Elneny; Zuffi, Embolo, Boëtius (60′ Callà); Janko. A disposizione: Salvi, Traoré, Samuel, Delgado, Ajeti. Allenatore: Fischer.

 

FIORENTINA (3-4-2-1): Sepe; Roncaglia, Rodriguez, Astori; Bernardeschi (85′ Babacar), Vecino, Badelj (85′ Gilberto s.v.), Alonso; Borja Valero, Ilicic (33′ Tomovic); Kalinic. A disposizione: Tatarusanu,Pasqual, Verdù, Rossi. Allenatore: Sousa.