Atalanta, Gagliardini squalificato con la Juventus: «Non è giusto»

397
© foto www.imagephotoagency.it

Bologna – Atalanta: Gagliardini squalificato per la partita con la Juventus dopo aver ricevuto un cartellino giallo per fallo su Dzemaili, ma lui non ci sta e reputa la sanzione severa. La moviola gli dà ragione

Tutto quasi perfetto nell’Atalanta che, complice la vittoria di ieri sul Bologna, vola nelle zone altissime della classifica. Quasi, perché i nerazzurri dovranno fare a meno sabato sera nel big match contro la Juventus di Roberto Gagliardini, che era diffidato e che, causa il giallo rimediato ieri contro i rossoblu, dovrà scontare la squalifica proprio contro i bianconeri. Una squalifica che però suscita più di qualche protesta, soprattutto da parte dello stesso giovane centrocampista nerazzurro… «In campo mi sono arrabbiato subito, perché secondo me quello non era un intervento da cartellino giallo – ha detto Gagliardini a fine partita in zona mista ai giornalisti – . Anzi, devo rivedere ancora l’azione, ma probabilmente quello non era nemmeno un fallo. L’arbitro avrebbe potuto ammonirmi in altri frangenti della gara, ma non proprio lì. Per me è stata una bella botta: ho pensato subito alla partita contro la Juventus, non capita proprio tutti i giorni di giocare nello Juventus Stadium con quel pubblico e questa classifica contro i campioni d’Italia, sono molto amareggiato per quanto successo». MOVIOLA BOLOGNA – ATALANTA: GAGLIARDINI SU DZEMAILI – La moviola dell’azione incriminata cui si riferisce Gagliardini è chiara: il Bologna, con l’Atalanta già avanti di un gol, prova a recuperare palla a centrocampo e ripartire in contropiede con Blerim Dzemaili. Gagliardini entra su di lui al limite dell’area: ammonizione forse un po’ eccessiva, punizione anche. Piuttosto Gagliardini nel secondo tempo subisce un fallo da dietro pericolosissimo da Federico Viviani: palla lontana, giocatore ammonito, ma c’era il rosso…

Condividi